CONDIVIDI

Mentre molti, me compreso, sollevano dubbi sulla capacità e volontà di HTC di mantenere questo mercato ancora a lungo eccola presentare il nuovo U11

HTC U11 è il nuovo top di gamma 2017 e la sua principale particolarità è la presenza dell’Edge Sense: tramite la presenza di alcuni sensori è possibile premere in un certo modo il bordo della scocca per avviare applicazioni. L’Edge Sense è in grado di interpretare il livello di pressione e reagire di conseguenza, ed è in grado di funzionare in qualsiasi condizione quindi anche con i guanti o le mani umide.

A livello di design spicca il look sfumato e curvo con doppio vetro 3D e colori estremamente intensi e rifrangenti. Va visto di persona ovviamente ma se ci scordiamo per un attimo quelle bande nere frontali che sembrano appartenere ad un’altra epoca l’impatto iniziale è notevole, specialmente per la parte sul retro.

Il display Super LCD da 5.5″ ha una risoluzione Quad HD da 2560×1440 pixel protetto da Gorilla Glass 5 mentre la certificazione ad acqua e polveri si ferma ad IP67.

Per quanto riguarda la fotocamera è previsto un sensore da 12 megapixel con tecnologia Ultra pixel ed apertura F1.7 con dual LED flash. Non manca la stabilizzazione ottica multiasse, auto focus e HDR Boost.

La fotocamera anteriore è invece una 16 megapixel con funzione voice selfie che permette di effettuare uno scatto anche se si hanno le mani impegnate.

Intanto però HTC U11 guadagna la prima posizione su DxOMARK, uno dei siti più autorevoli per quanto riguarda il comparto foto, con un punteggio di 90 mai raggiunto da nessun altro smartphone.

Dal punto di vista dell’audio, HTC U11 non è provvisto di jack da 3.5 mm per le cuffie ma nella confezione sarà presente un adattatore con DAC incorporato per sfruttare il connettore USB-C. Inoltre gli auricolari presenti in confezione hanno la cancellazione del rumore attiva e sono in grado tramite la tecnologia USonic di mappare l’orecchio interno andando a creare un profilo audio personalizzato.

HTC U11 sarà provvisto di ben 3 assistenti: HTC Sense Companion, Google Assistant e Amazon Alexa (quest’ultimo solo per USA, UK e Germania). Ancora non è chiaro come coesisteranno 3 sistemi (non si starà esagerando?) ma quel che è certo è che loro insieme al display metteranno a dura prova la batteria da soli 3.000 mAh con Quick Charge.

Per non creare confusione, HTC ha deciso che ci sarà un solo processore ovvero lo Snapdragon 835 mentre a seconda del mercato arriveranno le versioni da 4GB di RAM con disco da 64 GB oppure 6GB di RAM ma con 128GB di memoria.

A completare le specifiche ci sono il bluetooth 4.2, WiFi 802.11 a/b/g/n/ac e i vari sensori, GPS e giroscopi.

Il prezzo ufficiale per l’Italia è di 749 Euro.

Una nota riguardo ad HTC

HTC è ritenuta da sempre uno dei migliori produttori di smartphone: belli, affidabili e con una buona user experiece, ma per qualche motivo si è lasciata sorpassare da tutti in particolar modo dai produttori cinesi come Huawei, Xiaomi, Meizu, Honor, ecc. che sono in forte espansione mentre al contrario HTC è in controtendenza al punto da aver ridimensionato la sua presenza in Europa. Io spero, glielo auguro davvero, che prima o poi trovi il modo per rilanciarsi ma di certo non potrà farcela fin tanto che manterrà i prezzi ai livelli di altri top di gamma che contano su una cospicua base di utenti che ogni anno sono in attesa di vedere il modello successivo con una buona propensione all’acquisto. Forza HTC!

Rispondi