CONDIVIDI

Da Puro arriva il primo auricolare full wireless: si chiama Secret Earphones

Puro ha da poco commercializzato il suo primo auricolare completamente senza fili, le due cuffie si sincronizzano via bluetooth 4.1 e possono essere utilizzate insieme come un auricolare stereo oppure singolarmente.

La base di ricarica / astuccio

Puro Secret viene venduto in un comodissimo astuccio che oltre a fare da base per la ricarica permette di caricare gli auricolari per un paio di volte senza dover ricorrere a fonti energetiche esterne: è molto compatto e comodo da portare in tasca o in un marsupio, si tratta di un bussolotto di 6.8 cm di lunghezza per 3.2 cm di profondità; nella parte superiore ha un pannello di chiusura semi trasparente che permette di vedere i led di stato degli auricolari in modo da conoscere lo stato della ricarica anche senza doverlo aprire, mentre sul retro è presente il connettore micro usb ed un led di stato.

Gli auricolari

Gli auricolari una volta tolti dalla base ad un primo impatto possono sembrare leggermente grossi, ed anche indossati li si vedrà sporgere leggermente rispetto al padiglione, ma è un difetto visivo che si compensa ampiamente dal fatto di avere due auricolari completamente senza fili: il massimo della comodità.

La parte esterna è sostanzialmente un grosso pulsante (l’unico) che permette di accendere o spegnere l’auricolare e permette ovviamente di interagire con il dispositivo connesso vuoi per prendere o terminare una chiamata oppure per interagire con le app. Inoltre è anche possibile interagire con gli assistenti come Siri (iOS) o Google per facilitare alcune operazioni, per farlo è sufficiente tenerlo premuto per un paio di secondi e poi impartire il comando a seconda del sistema a cui ci si rivolge.

La presenza del pulsantone ne semplifica enormemente l’uso, la pressione però specialmente per l’accensione e spegnimento va a creare una discreta pressione sull’orecchio pertanto consiglio comunque l’uso a due dita con il pollice sul pulsante e l’indice a fare da “pinza” per evitare appunto tale fenomeno.

Sulle due unità troviamo poi un led per indicarci lo stato di carica ed un microfono: essendo utilizzabili separatamente è indispensabile che entrambi ne siano dotati.

All’interno della confezione troviamo oltre al cavo micro usb piatto anti ingarbugliamento anche altri due ear gel per adattarsi all’orecchio: io che solitamente tendo ad utilizzare la versione intermedia qui ho optato per quella più grossa in modo da assicurarmi che l’auricolare non fuoriesca dal canale non essendoci archetti di sostegno.

La connessione avviene tramite bluetooth 4.1, quindi è possibile collegarlo a qualsiasi dispositivo che sfrutta questo standard. Il pairing è veloce quanto quello di qualsiasi altro auricolare, ed il fatto di dover accendere due unità anzichè una porta via solo una manciata di secondi in più in quanto normalmente andrebbe acceso e abbinato prima l’auricolare destro e poi quello sinistro.

Qualità audio

La qualità audio in ascolto è buona: i brani musicali arrivano chiari e senza fruscii o disturbi ma pecca un po’ sui bassi non molto presenti. Il volume inoltre non va mai oltre una certa soglia e non è possibile gestirlo dall’auricolare: bisognerà sempre gestirlo dal bilanciere presente sul telefono.

Per quanto riguarda invece l’audio in conversazione durante una telefonata, anche se si stanno utilizzando entrambi gli auricolari quello principale sarà il destro e quindi la voce dell’interlocutore si sentirà solo in questo. In ingresso l’audio è discreto, mentre in uscita sebbene da alcuni test non abbia riscontrato particolari problemi durante l’uso normale mi è capitato di sentirmi dire in qualche occasione che mi si sentiva male.

Insieme o separati, dipende

Come già detto gli auricolari possono funzionare insieme oppure singolarmente. Ovviamente la miglior esperienza audio la si ottiene con entrambi ma l’uso singolo può andare bene in almeno due situazioni:

  • quando abbiamo bisogno di sentire i rumori ambientali
  • quando vogliamo aumentare l’autonomia

Autonomia

L’autonomia varia intorno alle 2 ore, non molto per un auricolare bluetooth ed è probabilmente uno dei punti deboli di questo dispositivo. E’ per questo che in alcune occasioni consiglio l’utilizzo singolo in modo tale che alternandoli si può aumentare considerevolmente questo valore (quando uno è in uso l’altro rimane in carica), arrivando ad un traguardo già più ragguardevole di circa 8 ore.

Pro e contro del full wireless

I pro di un sistema full wireless sono diversi: dire addio al cavo, che con straordinaria dimestichezza riesce sempre ad infilarsi ovunque, è il sogno di tutti ed è il vantaggio più evidente; c’è poi la possibilità di condividere l’auricolare con una seconda persona senza che il cavo diventi un elemento di disturbo. I contro invece lo sono meno: il raggio di funzionamento è stato inferiore al previsto, se infatti un auricolare bluetooth copre una distanza di circa 10 metri in alcune sessioni già tra i 5 e i 10 iniziavo ad avvertire i primi segni di audio a singhiozzo: può essere che lo stato della carica influisse sul loro funzionamento in quanto comunque altre volte a 10 metri abbondanti invece non ho riscontrato problemi. La cosa positiva però è che non c’è lag, ovvero la fonte sonora arriva contemporaneamente ad entrambi, cosa non sempre scontata in questo tipo di sistema.

Prezzo Puro Secret Earphones

Puro Secret Earphones hanno un prezzo di listino di 79 Euro che se comparato con altri auricolari full wireless di buona qualità potrebbero sembrare a buon mercato, ma il prezzo più corretto si aggira probabilmente intorno ai 50 Euro, cifra raggiunta la quale questi auricolari diventano un must-buy.

Rispondi