CONDIVIDI

Finito l’evento di presentazione di Apple, e confermata la novità di iPhone X con display “edge-to-edge”

Apple ha confermato tutti i rumors presentando iPhone X, con display da 5.8″ Super Retina da 2436×1125 pixel che copre quasi interamente la superficie frontale. Apple parla di un edge-to-edge ma come si vede benissimo dalle immagini un po’ di cornice laterale permane intorno a questo pannello OLED con contrasto 1.000.000:1.

iPhoneX  inoltre gestisce Wide Color Gamut, HDR con HDR10 e Dolby Vision e 3D Touch.

Le superfici piatte sono in vetro, mentre i bordi ricurvi in acciaio inossidabile che garantiscono resistenza all’acqua con grado IP67.

Addio tasto Home e Touch ID

La grande incognita riguardo al nuovo display era relativa alla possibilità o meno che il Touch ID venisse eliminato, cosa che si è puntualmente confermata e al suo posto Apple introduce il riconoscimento del volto.

Si tratta di un sistema di autenticazione che su Android è già conosciuto da diverso tempo ma Apple ovviamente dichiara di averlo fatto decisamente meglio. Secondo Apple infatti il riconoscimento è più preciso e fattibile anche al buio ma non volendo cascare nel tipico hype del momento a me sembra che il sistema vada provato personalmente per verificarne l’efficacia ma soprattutto l’effettiva comodità: se infatti Apple dichiara che questo Face ID è in grado di riconoscere il volto da più angolazioni è pur sempre vero che soffrirà in condizioni particolari come quella di un telefono appoggiato su una scrivania e l’utente comodamente seduto sulla sedia.

Tutta questa tecnologia avanzatissima di riconoscimento facciale sfocia poi in un altro argomento tanto allettante quanto un calzino bucato: gli Animoji ovvero le faccine che si animano con le nostre espressioni:

davvero vogliamo lanciare uno smartphone da 1000 Euro puntando su una merda che prende le sembianze del nostro volto?

No dai davvero… ammetto che mi ha dato un certo fastidio vedere un’azienda multimiliardaria perdersi in tali sciocchezze. Volevo dire in “cagate simili” ma non l’ho detto.

Il vero passo in avanti di iPhone X come iPhone 8 riguarda poi il sistema di ricarica con l’introduzione della ricarica wireless: “il futuro è wireless” dice il presentatore… beh era ora che ci arrivaste, seppur con qualche anno di ricarica. Ovviamente però la base di ricarica wireless sarà un accessorio da acquistare a parte.

Lo scalino inquietante della fotocamera

C’è poi un altro argomento su cui Apple si è soffermata molto ed è quello relativo a foto e video: doppia fotocamera posteriore con i medesimi sensori di iPhone 8 ovvero 12 megapixel con apertura F1.8 e F2.4. L’unica differenza è che anche nell’ottica tele avremo la stabilizzazione ottica.

L’argomento principale però è un altro ovvero la funzione software, che come anticipato sarà ancora in beta, e che permetterà di regolare la luminosità del volto: ne sentivate l’esigenza? Scommetto che non vedevate l’ora brutti malati di instagram.

Ma la cosa che forse nessuno dice è quanto sia brutta la sporgenza della fotocamera in un mondo dove Apple è l’estetista per eccellenza e in cui tutti gli altri brand l’hanno ormai eliminato. Nei modelli precedenti lo scalino era attenuato da una sorta di risalita graduale, mentre in iPhone X sembra un pezzo ovale trapiantato li: non fa nulla, avremo miliardi di cover con cui andare a coprirlo vanificando cosi ore e ore di lavoro sullo studio del design posteriore.

Prezzi e disponibilità

Apple iPhone X sarà disponibile in pre-ordine a partire dal 27 ottobre con le spedizioni che partiranno dal 3 novembre ad un prezzo base di 1189 Euro:

se vedo un minorenne che gira con iPhone X giuro che mi sale il crimine

…e ne vedrò parecchi temo.

Rispondi