CONDIVIDI

A sorpresa ma non troppo Lucasfilm con l’appoggio di Disney ha ufficializzato lo sviluppo di una quarta trilogia oltre ad altri progetti legati al brand

Non c’era certo da stupirsene: nel momento in cui Disney assunse il controllo del brand Star Wars era chiaro che sotto ci fossero dei piani espansionistici ben delineati ed il successo dei film registrato in questi anni hanno solo rafforzato questa idea.

La sorpresa se vogliamo però è sapere che Rian Johnson, regista e sceneggiatore di “Gli Ultimi Jedi” nelle sale a dicembre 2017, sarà coinvolto in veste di creatore della prossima trilogia e questo potrebbe avere un impatto enorme sulla continuazione della saga più seguita di sempre anche considerati i continui avvicendamenti alla regia dei film già in fase di sviluppo.

Sapere che alla guida ci sarà un’unica figura porterà tranquillità all’interno dell’ambiente ma fa anche crescere un’insolita aspettativa nei confronti del film che ci accingiamo a vedere per capire quanto Rian sarà in grado di plasmare le nostre fantasie.

Ovviamente si conosce ancora poco di quelli che saranno i temi principali della nuova trilogia cosi come quali saranno i protagonisti ma qualcosa di importate è stato annunciato: ci sarà un distaccamento dalla famiglia Skywalker e verranno esplorate ambientazioni mai viste prima

Nel guidare questa nuova trilogia, che è separata dalla episodica saga degli Skywalker, Johnson introdurrà nuovi personaggi da un angolo della galassia che la tradizione di Star Wars non ha mai esplorato prima – starwars.com

Quanto basta per far storcere il naso ad alcuni, ma già a partire dal prossimo film riusciremo forse ad avere un assaggio di quanto ci aspetta.

Tutto in vista dell’anti Netflix

Ma Lucasfilm e Disney non si sono fermati ai soli film nelle sale cinematografiche: il progetto è in realtà molto più ampio e strutturato ed include anche la realizzazione di nuove serie tv tra cui una in live-action che avranno il compito di spingere la piattaforma digitale in streaming che Disney inaugurerà nel corso del 2019 con la speranza/presunzione di diventare un serio antagonista a Netflix.

Rispondi