Il marchio Cloverfield è uno dei più misteriosi che ci siano, dal grande potenziale apparentemente mal sfruttato o sviluppato sotto forma di finti esperimenti: i due film precedenti infatti hanno entrambi avuto un taglio molto particolare e molto lontano dai tipici blockbuster. E se “10 Cloverfield Lane” spunto fuori dal nulla l’effetto è ancora più dirompente con “The Cloverfield Paradox“, presentato nella notte durante il Super Bowl, di cui non solo non si sapeva nulla ma che è anche già disponibile da oggi su Netflix. In questo film vedremo degli astronauti intenti a studiare qualche fenomeno paranormale che potrebbe unire o quanto meno farci capire le origini dei film precedenti.

La cosa ancor più impressionante è pensare poi che un film che originalmente doveva arrivare nelle sale cinematografiche è stato poi “dirottato” su una piattaforma streaming. Le regole della distribuzione stanno per cambiare? Forse l’hanno già fatto.

Rispondi