Philips ha presentato le sue nuove soluzioni orientate al mondo dei professionisti

Da segnalare c’è il modello 349X7FJEW, il 328P6AUBREB ed infine il 241B7QUPBEB che si distinguono per fattori molto differenti tra loro.

Monitor Philips 349X7FJEW

Si tratta di un 34″ curvo con raggio 1800R con display LCD di tipo VA ed una risoluzione in 21:9 da 3440×1440 pixel. Abbiamo poi un tempo di risposta di 4ms, angolo di visione da 178° e frequenza di aggiornamento a 60Hz.

Questo monitor supporta il FreeSync di AMD e dispone della modalità LowBlue che abbiamo visto più volte sui monitor d’ufficio di Philips.

Dispone di 1 DisplayPort 1.2, 1 HDMI 1.4, 1 HDMI 2.0 ed un hub USB 3.0 con 4 porte.

Monitor Philips 328P6AUBREB

Si tratta del tipo monitor ad uso professionale pensato per chi pone attenzione alla copertura degli spazi colore in quanto usa software professionali dove la riproduzione fedele dei colori è importante.

Il display è un 32″ LCD IPS a 10 bit con risoluzione 2560×1440 pixel ed una luminosità di 450cd/m2 – nits.

Come dicevo, ha una copertura degli spazi colore corrispondente al 99% di Adobe RGB e al 100% di sRGB.

Supporta l’HDR e dispone oltre a DisplayPort e HDMI 2.0 anche di una usb di tipo C e due porte USB 3.0.

Monitor Philips 241B7QUPBEB

Finiamo con questo monitor che come caratteristica principale ha la possibilità di collegare in cascata fino a 4 monitor sfruttando la porta USB di tipo C.

Il display è un 24″ LCD IPS Full HD con un tempo di risposta di 5 ms ed una frequenza di aggiornamento a 60Hz.

Anche qui non mancano 1 ingresso HDMI, 1 DisplayPort e due porte USB 3.0 e le modalità LowBlue e Flicker-free.

Rispondi