Home Recensioni Recensione Wecast: chiavetta HDMI wireless

Recensione Wecast: chiavetta HDMI wireless

77
0

Dopo averla provata la sensazione è stata chiara fin da subito: d’ora in poi sarà difficile farne a meno

Più di Chromecast e Amazon TV Stick, i pregi di Wecast si apprezzano quando non si è tra le mura confortevoli di casa nostra dove regna sovrana la rete wifi.

Chi infatti ha sempre cercato fuori casa la soluzione ideale per vedere i contenuti presenti sul proprio smartphone o tablet su di un monitor più grande come quello di un TV troverà in Wecast un potente alleato capace di fargli risparmiare tempo prezioso in cablaggio senza sacrificare la qualità.

Wecast è una chiavetta HDMI wireless: la si collega alla porta HDMI di un TV o monitor ed una volta alimentata tramite USB si accende nel giro di 4-5 secondi mostrando sul display alcune informazioni di base utili per effettuare il pairing tramite collegamento WiFi.

Ha un design identico alla Chromecast primo modello, fatta eccezione per un’antenna ricevente in più,  ma non ha nulla a che vedere con la soluzione di Google.

Wecast semplicemente duplica il display dello smartphone o del tablet o anche del PC a cui si collega dando così la possibilità di mostrare i contenuti su una superficie maggiore ma soprattutto renderli visibili a più persone contemporaneamente.

L’installazione è rapidissima perchè si tratta semplicemente di collegare HDMI e USB, dopodichè il pairing dipende dal dispositivo che si intende utilizzare tenendo a mente che Wecast è compatibile con AirPlay, Miracast e DLNA quindi è in grado di garantire una copertura ad ampio raggio tant’è vero che è risultato funzionante anche con il mio tablet Nexus 7 che ormai è del 2013.

Si connette utilizzando il protocollo WiFi, non Bluetooth, garantendo quindi una maggior velocità dei dati e quindi una miglior qualità dei contenuti trasmessi.

Trasmette tutto, o quasi

Utilizzando un dispositivo come smartphone o tablet l’unico aspetto negativo nell’utilizzo di Wecast è il fatto che non è stato possibile inoltrare il flusso video di app come Netflix o RakutenTV: c’è l’audio, ma probabilmente per via di qualche buco dovuto ai diritti di trasmissione il video è assente.

Lo stesso problema però è assente se si utilizza un PC, in questo caso infatti la duplicazione avviene al 100%.

Nessun problema invece per riprodurre contenuti presenti sulla memoria del dispositivo da app come VLC, MX Player o qualsiasi altra app per riproduzione video oppure ancora nell’utilizzo di app come YouTube.

Duplicazione desktop PC: il massimo

Come dicevo la duplicazione del monitor PC è esente da “mancanze” ma permette anche di fare dell’altro.

Utilizzando Wecast con PC Windows infatti ci viene data non solo la possibilità di duplicare il monitor ma anche di creare un secondo monitor e trattarlo un po’ come se avessimo fisicamente due monitor affiancati.

Qualità video? Non impeccabile, ma molto buona

Lo stream, nonostante sia wireless, non sacrifica molto la qualità video: nella maggioranza delle situazioni sarà più che accettabile e difficilmente vi accorgerete della differenza tra un contenuto trasmesso in wireless ed uno trasmesso come se fosse un normale canale televisivo.

Il perfetto compagno di viaggio

Wecast è quindi il mio nuovo compagno di viaggio: più volte in passato ho provato situazioni al limite del ridicolo anche ricorrendo al cavo, con risultati buoni ma con grossi limiti legati alla scomodità di dover lasciare il dispositivo in un posto fisso.

Il costo? Irrisorio

Rispetto alle altre soluzioni come Chromecast e Amazon TV Stick, Wecast è perfino economico perchè lo si può comprare su Gearbest ad un prezzo che si aggira intorno ai 10 Euro.

Rispondi