Xiaomi commercializza diverse videocamere per la video sorveglianza, ma una delle migliori è indubbiamente la Xiaomi DF3 Dafang 1080P

La videocamera Xiaomi DF3 Dafang 1080P offre qualità e funzioni ad un prezzo davvero irrisorio che sebbene di listino la si trovi intorno 35-40 Euro non si fatica nel trovarla ciclicamente a prezzi inferiori ai 20 Euro.

Le principali funzioni sono: sorveglianza a 360°, audio a due vie e rilevazione con tracking.

Il prodotto

La confezione è molto pulita e oltre alla videocamera contiene il cavo micro usb di tipo piatto e l’alimentatore: nel mio caso non era compatibile con le prese a muro italiane ed ho così acquistato un adattatore su amazon per pochi euro.

La videocamera si presenta bene: non è piccolissima ma ha un design semplice e squadrato che si integra bene con i design moderni che troviamo solitamente nelle case un po’ più recenti.

La particolarità che ho trovato inusuale è la porta micro usb posta sulla base molto sottile: un pochino scomoda per accedervi con il connettore ma per quella volta nella vita che servirà farlo basta chiudere un occhio.

Sulla parte frontale troviamo un LED di stato blu e più sopra l’occhio che grazie allo smartphone è possibile ruotare per controllare zone (in alto o in basso) non raggiungibili dalla normale inquadratura.

Il LED blu ci avvertirà quando la videocamera è offline cominciando a lampeggiare mentre non ci è possibile sapere se qualcuno sta monitorando l’ambiente.

Sulla parte posteriore invece troviamo lo speaker e la porta USB qualora volessimo andare a registrare i video su una penna usb anzichè una microSD la quale invece si inserisce dal sotto.

Prima installazione

Vanno spese due parole sulla prima installazione per il semplice fatto che, almeno per ora o fino a quando non sarà arrivata ufficialmente in Italia, questa è una videocamera di importazione cinese e quindi questo prevede che in fase di installazione il pairing (che avviene un po’ come succede anche con altri brand ovvero inquadrando un codice QR) ci metti di fronte ad una voce cinese.

Questo significa che la prima installazione, sebbene nel suo complesso non sia complicata, va un po’ a caso.

Un’altra cosa molto importante inoltre è che l’app va impostata in modo da funzionare sui server cinesi in quanto selezionandone uno diverso questo modello di videocamera non risulta essere disponibile e mi auguro fortemente che questo possa cambiare una volta che Xiaomi farà il suo ingresso ufficiale nel mercato italiano a breve (onestamente però ne dubito).

Qualità video della Xiaomi DF3 Dafang 1080P

Prima dell’acquisto il dubbio principale che avevo in merito alla qualità video era legato al framerate di soli 15 fps: in una webcam normale è più che sufficiente perchè tale dato deve poi far fronte alla lentezza in upload delle nostre connessioni tuttavia stonava con la risoluzione in 1080 ed è li che nasceva il dubbio.

Di fatto però l’immagine è fluida e bene calibrata in termini di luminosità e contrasto: l’anteprima video è davvero ottima e lo stream sembra godere di una qualità superiore rispetto a quello che è il download di brevi video fatti tramite l’app dove invece si vede un po’ di pixellatura specialmente nelle aree in ombra.

Anche l’audio si sente bene e questo introduce la prima delle funzioni principali della Xiaomi Dafang 1080P: l’interfono.

Modalità interfono

Dallo smartphone attivando lo speaker ed il microfono è possibile interagire con l’ambiente che si sta guardando: noi sentiremo le voci di chi è nella stessa stanza e allo stesso modo loro potranno sentire noi anche da remoto.

Questa è una funzione molto utile in più occasioni: dal semplice monitoraggio alla possibilità di offrire un aiuto concreto a chi non riesce a fare una determinata operazione.

Rotazione a 360°

L’altra funzione molto interessante riguarda la possibilità di ruotare permettendo alla videocamera di coprire tutto l’ambiente circostante: tale rotazione ha un punto di inizio e uno di fine corsa ed è possibile gestirla tramite l’app.

La mia sensazione è che grazie all’ottica grandangolare nella maggioranza dei casi non ci sarà bisogno di utilizzarla ma dal momento che c’è come dice il detto: a caval donato…

Tracking e rilevazione del movimento

Tra le tante funzioni disponibili poi ne abbiamo un’altra molto importante che è legata al movimento.

Innanzitutto è possibile impostare la rilevazione di movimento andando a specificare degli intervalli di giorno/ora oppure semplicemente attivarla o disattivarla.

Questa funzione assume ancor più importanza se si attiva anche il tracking automatico che non fa altro che tenere il soggetto rilevato all’interno dell’inquadratura: il funzionamento non è perfetto specialmente se il soggetto si muove velocemente in più direzioni, ma è un plus importante se davvero la videocamera è posizionata in un ambiente dove può sfruttare appieno la rotazione a 360°.

Monitoraggio al buio

Innanzitutto va detto che i sensori dell’infrarosso rimangono nascosti e non sparano come succede con altri prodotti rivelando immediatamente la posizione della videocamera.

La visione è buona fino ad una distanza di 4 metri circa, oltre invece il soggetto in alcuni frangenti (se non si trova di fronte ad un muro bianco ma piuttosto a dei tendaggi), potrebbe cominciare a confondersi con lo sfondo.

App Mi Home: il fulcro di tutto

La videocamera si gestisce totalmente grazie al download dell’app Mi Home che rappresenta un po’ il fulcro di tutti i prodotti smart di Xiaomi.

Questo può essere un bene da una parte, per il fatto che comunque è ben sviluppata e permette di avere un unico punto di riferimento per tutto, ma un male dall’altro per il fatto che non sarà possibile ad esempio avere una sezione dedicata solo alle videocamere con magari la possibilità di vedere il Live stream di tutte dalla stessa videata.

Inoltre la lingua italiana è arrivata solo ad aprile e come ho avuto modo di sperimentare alcune traduzioni non sono ancora complete e laddove non lo sono compaiono i caratteri cinesi… ragione per cui attualmente utilizzo la lingua inglese.

I punti deboli: segnale WiFi e stabilità

Questa videocamera attualmente ha solo 2 punti deboli.

Il primo è relativo alla copertura del segnale WiFi che ho riscontrato essere inferiore rispetto a quella che ho invece con altre videocamere di altri brand.

Inoltre capita ogni tanto che la videocamera vada offline per poi tornare nel giro di qualche secondo, ma questo non capita spesso e potrei quasi imputarlo ad un bug del firmware dato che su due videocamere quella a cui succede è solo una.

Tirando le somme…

Per concludere quindi questa Xiaomi DF3 Dafang 1080P è davvero un’ottima videocamera per il prezzo a cui si propone. Ufficialmente è in vendita a circa 40 Euro ma ci sono promozioni continue su Gearbest: io ad esempio le ho pagate rispettivamente 18 e 24 euro ma l’ho vista arrivare anche a 16 euro circa.

A questi prezzi diventa davvero una soluzione imbattibile.

Rispondi