Sei indeciso se passare a Iliad piuttosto che Ho.Mobile? Ecco 2 importanti fattori su cui basare la tua scelta

La scorsa settimana abbiamo visto sul canale YouTube quali sono le principali differenze tra i due operatori telefonici del momento: Iliad e Ho.Mobile. Ti invito quindi a vedere il video a seguire:

Abbiamo quindi visto che al di la della divario di prezzo tra le due offerte di solo 1 Euro, ci sono delle differenze tra le due che possono essere determinanti per il tuo tipo di utilizzo.

Prima differenza: la qualità del segnale

Iliad è appena arrivata, e basa la sua copertura su una parte di rete Wind-3 dismessa e l’installazione in futuro di antenne proprietarie. Al di là dei valori di performance dichiarati quindi è chiaro che se in passato nella tua zona il segnale Wind-3 non era eccellente anche con Iliad almeno per il momento non potrà essere tanto migliore. Al contrario invece se dove vivi avevi una buona copertura del segnale Wind-3 è possibile ma non così scontato che continuerai ad averlo.

Vi riporto a seguire tutta una serie di speed test eseguiti lungo la strada che collega Lecco con Milano (tangenziale est fino a Peschiera Borromeo) eseguiti con un modem/router TP-Link.

[ore 14.38 zona Lecco – ore 15.25 zona Peschiera Borromeo, i test intermedi sono stati fatti in corrispondenza dei principali conglomerati abitativi come Seregno, Monza ecc. giusto per citarne un paio]

In generale è evidente che le performance non sono molto incoraggianti specialmente in download mentre invece in upload spesso si raggiungono velocità più che dignitose.

Nel caso di Iliad quindi dopo 1 mese di utilizzo mi sento di dire che “devi dargli fiducia”, e comunque sai anche che il costo sostenuto è comunque basso rispetto a quello che ottieni soprattutto considerando il discorso chiamate che vedremo tra poco.

Per quanto riguarda Ho.Mobile invece non ho ancora avuto modo di testarlo effettivamente ma il suo pregio risiede nel fatto di poggiare su una infrastruttura ben rodata e performante come quella di Vodafone che anch’essa vive di alti e bassi ma dovrebbe garantire livelli di performance sensibilmente migliori rispetto ad Iliad.

Non sono sicuro di come va nella mia zona: come faccio? La risposta è semplice: è inutile sperare di parlare con qualcuno o vedere uno speed test che magari non arriverà mai. Il costo di queste offerte è talmente basso che almeno una prova la potresti fare non credi? In più in questo periodo tutti gli altri operatori si stanno sbizzarrendo con le offerte del tipo “Torna in…” quindi se facessi il passaggio con la portabilità del numero è facile che ne trarresti solo dei vantaggi qualora dovessi pentirtene.

Seconda differenza: le chiamate all’estero

L’altra grande differenza tra le due offerte risiede nelle chiamate all’estero. Se infatti restiamo all’interno dei confini nazionali potremmo quasi dire che le due offerte sono identiche ma se prendiamo in considerazione giustamente anche quanto ci viene proposto dal punto di vista delle chiamate internazionali allora la storia è ben diversa.

Faccio prima una puntualizzazione sulla questione roaming: da giugno 2018 gli operatori europei sono obbligati ad offrire ai propri clienti che viaggiano in Europa la stessa offerta che gli viene data all’interno del Paese di origine. Il fatto che Iliad o Ho.Mobile così come gli altri operatori ci diano chiamate illimitate in roaming non è quindi questione di bontà d’animo ma un obbligo di legge. Discorso leggermente diverso per i GB dati ma non voglio andare oltre.

Va fatta una distinzione quindi tra roaming e traffico internazionale dove per il secondo si intendono tutte le chiamate che dall’Italia vanno oltre i confini nazionali ad eccezione delle chiamate effettuate verso numeri di telefono italiani che si trovano all’estero.

Quindi tutto quello che esce dall’italia dovrebbe, così come si faceva prima della liberalizzazione del roaming, venir fatturato secondo la logica della tariffa al minuto. E così infatti fa Ho.Mobile che non si discosta quindi da altri operatori come Tim, Vodafone e Wind-3 che ragionano secondo la medesima logica, applicando però anche tariffe molto care specialmente in Europa.

Qui Iliad attua un approccio differente e più aperto a vantaggio dell’utente in quanto a livello europeo non attua particolari distinzioni sui numeri fissi tra roaming e chiamate internazionali: sono tutte incluse nel pacchetto offerto.

In più elenca una serie di altre Nazioni extra Europa che anch’esse godono dello stesso trattamento.

In conclusione, chi mi conviene? Iliad o Ho.Mobile?

Se nell’utilizzo quotidiano sei solito, magari per un utilizzo lavorativo, effettuare chiamate all’estero / Unione Europea la scelta è solo una: Iliad, che da questo punto di vista offre decisamente di più portando ad un risparmio su base annua di due mensilità rispetto ad Ho.Mobile.

Se invece questo discorso non ti interessa, avere una rete dati più performante dovrebbe essere la tua sola priorità e quindi Ho.Mobile dovrebbe, su base teorica, essere preferibile.

Il mio consiglio finale comunque è di provare prima Iliad, perchè come detto costa meno e non è detto che dove ti trovi vada male. Se non ti ci dovessi trovare bene allora valuta il passaggio ad Ho.Mobile o ad altro operatore qualora dovessi ricevere proposte interessanti.

Rispondi