Risposta:

HDTV è l’acronimo per High Definition TV (televisione ad alta definizione). Questo si traduce nella possibilità di visualizzare immagini più grandi e nitide rispetto alla televisione standard (o SDTV, Standard Definition TV).

L’immagine della televisione è generata da una serie di punti (o pixel), maggiore è il numero di punti maggiore sarà la definizione dell’immagine. Il primo vantaggio dell’HDTV è di avere una definizione doppia o tripla rispetto alla SDTV.

La televisione standard come la conosciamo oggi ha una risoluzione di 720×576 pixel (per il PAL, lo standard europeo) e 720×480 (per l’NTSC, lo standard americano). Queste due risoluzioni sono identificate più semplicemente come 576i e 480i.

L’HDTV invece ha una risoluzione di 1280×720 pixel oppure di 1920×1080 pixel. Queste risoluzioni vengono chiamate 720p e 1080i o 1080p. La “i” e la “p” finale identificano il tipo di scansione dell’immagine: interlacciata e progressiva. Senza entrare nel tecnico, i televisori a tubo catodico tradizionali hanno solitamente scansione interlacciata. L’immagine viene costruita in due passaggi: prima tutte le righe dispari, poi tutte le righe pari. I monitor dei computer e dei moderni televisori lcd e al plasma supportano la scansione progressiva, ovvero l’immagine viene composta in un unico passaggio dall’alto in basso. La scansione progressiva genera immagini estremamente nitide e prive di “sfarfallio”.

Altro vantaggio dell’HDTV è che la fonte del segnale è sempre digitale: satellite, DVD, digitale terrestre, computer, console, ecc. Il segnale analogico è soggetto a interferenze dovute alla distanza o ai cavi, con il digitale si ha la certezza che il segnale giungerà invariato durante il tragitto per raggiungere la televisione.

Infine la proporzione (o aspect ratio) tra altezza e larghezza dello schermo HDTV è di 16:9 contro i 4:3 della SDTV. Oltre ad avere più spazio lateralmente, il 16:9 si adatta meglio al formato cinematografico, potremo così godere dei film senza rischio di perdere porzioni di immagini.

Riassumendo i vantaggi dell’HDTV sono: maggiore risoluzione quindi migliore definizione dell’immagine, qualità maggiore grazie al segnale digitale, formato panoramico 16:9 più vicino alle immagini del cinema.

Le risoluzioni più comuni per l’HDTV sono la 720p e la 1080i. E’ possibile ottenere anche la 1080p che fornirebbe la massima qualità possibile per l’alta definizione, ma pochissimi televisori la supportano e comunque la quantità di informazioni da trasferire è tale da renderne problematica la trasmissione.

Con il 720p si ha un’immagine nitida e ferma come quella di un monitor per computer. La 1080i vanta una risoluzione in pixel maggiore, ma presenta gli sfarfallii tipici della televisione standard a tubo catodico. Solitamente si preferisce la 720p, ma dipende molto dalle preferenze personali. L’importante è accertarsi che la televisione supporti sia il 720p che il 1080i.

Rispondi