Logitech inaugura una nuova linea di webcams pensate per la video-sorveglianza della propria casa o del proprio ufficio e adatte ad ambienti sia interni che esterni.

Si tratta di un sistema molto semplice ma estremamente efficiente, e che permette la registrazione  di video ad una risoluzione elevata (960 x 720 a 15 fps): una base rimane collegata al modem per permettergli l’accesso ad internet in modo che tramite un computer o cellulare sia sempre possibile vedere le immagini in diretta o comunque assumere il controllo del dispositivo; in giro per casa invece ci si dovrà porre il problema di posizionare le telecamere le quali potranno funzionare in due modi:

  • in modalità wireless, che consente di funzionare sempre a patto di essere in un punto dove c’è la copertura del segnale trasmesso dalla base; lo svantaggio in questo caso però sarebbe che la telecamera deve essere autoalimentata tramite batterie ausiliarie;
  • in modalità HomePlug, ovvero un sistema che sfrutta l’impianto elettrico della propria casa per trasmettere il segnale. Questo sistema porta l’indiscutibile vantaggio di non aver bisogno delle pile in quanto le telecamere sono sempre alimentate dalla corrente di casa, dall’altro porta qualche fastidio aggiuntivo nel cercare di nascondere il cavo di collegamento.

Il sistema prevede due tipologie di webcams, 1 adatta agli ambienti interni (modello Alert 750i) e 1 adatta a qualsiasi ambiente (Alert 750e) la quale è quindi resistente agli agenti atmosferici e permette la registrazione anche di notte attraverso un sistema ad infrarossi. I prezzi variano, per quanto riguarda i master kit (che includono la base di collegamento al modem), da 329 € per il modello 750i a 379 € per il modello 750e. Ulteriori webcams hanno un costo ribassato che varia a seconda del modello ma che nel caso del 750i arriva ad esempio a 279 €. Una rete può gestire fino a 6 telecamere funzionanti in simultanea.

Le webcams incorporano di base una microSD da 2 GB sulle quali registrano quando captano il movimento, questa memoria può essere svuotata automaticamente quando un computer si connette al sistema; l’unico dubbio che mi è venuto da ipotizzare per questo tipo di registrazione è il seguente: se il ladro vede la webcam e dopo averla analizzata mi toglie la microSD? Rimane qualche traccia oppure no?

A queste e ad altre domande mi piacerebbe poter rispondere con una prova sul campo, perchè quello delle webcam di video sorveglianza è un argomento che mi sta particolarmente a cuore e questo di Logitech mi sembra a prima vista un sistema pensato come si deve.

1 commento

Rispondi