Sono in procinto di vedere la fine della seconda serie di MisFits, una serie TV di origine inglese rigorosamente vietata ai minori di 18 anni e poco impegnativa: sia per il numero delle puntate (6 la prima serie e 7 la seconda) sia per gli argomenti trattati. MisFits è una sorta di Heroes low budget: l’argomento di fondo infatti sono una serie di super poteri che i ragazzi si trovano ad avere, ma il problema è che questi ragazzi sono ragazzi normalissimi / sfigatissimi che vivono la vita di tutti i giorni mentre svolgono l’ormai consolidato servizio sociale.

MisFits è focalizzato su sesso e volgarità varie ma sono la simpatia, la pazzia e la demenzialità dei personaggi a rendere comico il tutto, e qui Nathan (nella foto al centro e che non sarà purtroppo presente nella terza serie) si dimostra maestoso.

MisFits non brilla per le sceneggiature (ambientate sempre o quasi negli stessi spazi) ma mi ha comunque sorpreso per la capacità della produzione di creare degli intrecci nella trama più complessi rispetto a quanto non si pensi inizialmente e capaci di portare a volte anche a veri e propri colpi di scena.

Ve ne consiglio vivamente quindi la visione, ma ricorda, sono se non ti da fastidio un certo uso sconsiderato della lingua italiana.

1 commento

Rispondi