Qualche settimana fa ho acquistato questa IP webcam di D-Link, modello DCS-932L, con lo scopo di monitorare una parte di casa mia anche quando sono via. L’esigenza iniziale era quella di trovare una webcam facile da installare ma soprattutto dal costo non impegnativo, perchè a voler spendere di certo si trova di molto meglio come i modelli proposti da Logitech tanto per citarne uno.

Il modello in questione è acquistabile ad un prezzo che si aggira intorno agli 84 €, che per le caratteristiche che offre sulla carta resta comunque un buon prezzo:

  • sensore notturno
  • sensore di movimento
  • risoluzione massima 640×480 pixels
  • connettività wireless

questi sono 4 parametri che spesso le IP webcam non sempre hanno quando si parla di budget bassi.

Il fattore determinante che mi ha fatto propendere per questa webcam è stata la disponibilità di un software D-Link (denominato myDlink) presente sullo store di apple e sul market di android, cosa che permette di controllare l’immagine trasmessa dalla webcam anche da iPad, iPhone e tutti i vari dispositivi Android. L’alternativa generica è quella di poter controllare la webcam tramite il sito internet del produttore, oppure affidarsi a programmi esterni per configurare i quali però occorre sapere i parametri della webcam e quindi impostarla di conseguenza. C’è inoltre da fare attenzione su un punto, in quanto solo i modelli con la “L” finale sono quelli compatibili con il software MyDlink.

Ma ora iniziamo ad analizzare il modello in questione.

Le dimensioni sono un pochino più generose rispetto a quanto mi ero prospettato vedendo le immagini in internet, ma ha un design gradevole che si può ben integrare con l’arredamento di casa. All’interno della confezione sono presenti il piedistallo, il cavo LAN per la prima installazione e l’alimentatore.

La webcam è incastrata sul piedistallo tramite uno snodo metallico apparentemente poco “fisso” nel senso che spostandolo con la mano sembra troppo debole il fissaggio ma una volta scelta la giusta angolazione sembra non cedere. L’installazione, come promesso da D-Link, è davvero molto semplice, e lo diventa ancor di più qualora si disponga di un modem/router compatibile con lo standard WPS.

Una volta installato volendo è possibile accedere al menù di configurazione della webcam per personalizzare nel minimo dettaglio ogni aspetto (che sono davvero tanti). Per accedervi basta digitare in un browser il numero IP assegnato dal vostro router alla webcam.

Come dicevo le impostazioni da gestire sono molte, ad esempio il sensore di movimento ci permette di inviare degli avvisi via email e/o uploadare una o più immagini su un server ftp. Bisogna fare attenzione però a queste impostazioni in quanto occorre impostare degli intervalli giornalieri nei quali si è sicuri che non ci sia nessuno in casa, altrimenti la tua casella e-mail verrà letteralmente travolta dall’ondata di e-mail con foto in allegato provenienti dalla webcam. Altra cosa positiva è che nell’impostare il sensore di movimento è possibile selezionare delle aree di rilevamento all’interno di una griglia.

Un’altra funzione che mi ha piacevolmente colpito è il sensore notturno che fino a 4-5 metri vede tranquillamente senza problemi grazie ai 4 LED rossi presenti, e è a mio avviso una distanza più che buona per monitorare una stanza di medie dimensioni. La modalità notturna è da considerarsi quella di default: occorre infatti personalizzare le impostazioni per impartire degli intervalli durante i quali trasmettere l’immagine a colori, facendo anche attenzione al metodo scelto con il quale la webcam sincronizza l’orario in quanto mi è capitato più volte che questa perde l’ora giusta e quindi mi ritrovo con delle impostazioni sfalzate.

Se dal punto di vista delle caratteristiche mi ritengono quindi abbastanza soddisfatto, non posso dire lo stesso per la fluidità dell’immagine. Restando all’interno della rete locale l’immagine è perfetta anche a 640×480 a 30 fps, ma se si accede alla webcam da remoto allora la cosa cambia radicalmente e anche con parametri bassi non sono riuscito ad ottenere un’immagine fluida: in ogni caso l’immagine va a scatti ed è sempre in ritardo di qualche secondo.

Software per lo streaming video

E’ il punto forte della webcam, ma anche qui incorriamo a delle limitazioni assurde che D-Link sembra non riuscire a risolvere. Per visualizzare l’immagine trasmessa da remoto (o anche in locale) i metodi sono principalmente 2:

  • il primo è quello di connettersi al sito mydlink.com, e dopo aver inserito i propri dati accederemo allo streaming video. L’accesso è più lento rispetto al secondo metodo ma la cosa interessante è che se avete configurato al vostra rete a dovere sarà possibile anche accedere a tutte le impostazioni della webcam. Assicurati però di avere java sempre aggiornato.
  • il secondo è tramite le app disponibili per iphone, ipad e dispositivi android. Qui l’accesso è molto veloce, ma il grosso limite di cui vi parlavo è che lo streaming avviene per soli 60 secondi (riesumabili premendo un pulsante). Putroppo D-Link sembra non riuscire al momento a risolvere il problema in quanto indagando online sono diverse le persone che anche con il supporto dell’assistenza D-Link non sono riusciti ad eliminare il timeout.

5 Commenti

  1. Ciao!
    Una domanda…questa webcam permette di fare l’upload via FTP di una sequenza di frame (o di spezzoni di video)?

  2. Ho acquistato una dcs 932 L ed un router dwr 730. Lo scopo è di monitorare una casa in campagna non servita da rete fissa. Purtroppo non riesco ad abbinare i due apparati per vedere casomai le immagini su my-dlink, come peraltro faccio con successo in citta’. Potete aiutarmi? Graziee!

  3. salve.ho acquistato webcam ma un problema la camera non si muove volendo vedere altri parti della camera,non si puo gestire da lontano per vedere tutti parti della camera sorvegliata?

Rispondi