rai youtube

La notizia di oggi è che Rai ha deciso di cancellare l’accordo con Google fatto ormai 6 anni fa, che le garantiva qualche introito supplementare dai video pubblicati sui suoi canali. Google remunerava poco Rai e guadagnava invece molto dalle visualizzazioni che i video ottenevano.

Tutti i video ufficiali (circa 40.000) saranno cancellati e uppati sui canali di video streaming ufficiali Rai.tv, mentre quelli presenti su Google ma caricati dagli utenti (1 milione su per giù) dovranno essere eliminati e molto probabilmente andranno persi del tutto.

Secondo la Rai il vecchio accordo (700 mila € per ogni 7.000 video caricati all’anno) era stato fatto senza avere troppa lungimiranza dell’importanza che YouTube avrebbe potuto avere in futuro, ma io mi chiedo quanto possa essere lungimirante una decisione che mira alla cancellazione da una piattaforma snella e remunerativa e all’interno della quale i contenuti sono facilmente ritrovabili per portare il tutto sui server Rai, che per carità ha un servizio streaming di tutto rispetto ma improntato più sui contenuti di attualità a cui viene offerta molta visibilità e la giusta importanza, mentre le chicche classiche di video vecchi sono convinto finirebbero nell’oblio più totale.

Che remunerazione pensa di avere Rai dalle visualizzazioni sul suo sito? Avrà fatto almeno un calcolo della cosa? O semplicemente ha preso la questione di petto e vuole fare la preziosa come Mediaset? YouTube offre diversi mezzi e metodi per remunerare il proprio lavoro… ignorarlo secondo me è follia.

Così come è follia ignorare il fatto che i principali show televisivi americani hanno dei canali YouTube che generano milioni di visualizzazioni: credete che anche loro ci stanno perdendo o che lo facciano per fare beneficenza?

A partire dal 1° di giugno comunque se le cose non cambiano la decisione è presa: via tutti i video.

Rispondi