conan360 camera

Ieri sera mi sono imbattutto in uno dei tanti video pubblicati sul canale di Conan O’Brien il quale di recente ha trasferito il suo show al Comic-Con di San Diego.

Non avevo letto il titolo del video se non “X-Men” e fin da subito ho notato diverse cose strane: obiettivo grandangolare abbastanza insolito, qualità non al top e soprattutto il cameraman sembrava ubriaco perchè l’inquadratura continuava a muoversi.

Dopo un attimo ho realizzato che l’inquadratura si muoveva al muoversi del mio tablet, al che appoggio le dita sul video come a volerlo ruotare ed ecco che come per magia il video ruota di 360° così che io potessi decidere in tutta libertà cosa seguire: il palco, gli spalti, o qualsiasi altro punto cardinale.

E’ un’esperienza piuttosto insolita, in cui probabilmente il video di Conan non rende al massimo le molte possibilità di questa tecnica in quanto alla fine l’attenzione principale è riposta sul palcoscenico, ma se venisse utilizzata in altri ambiti come video musicali o altro sarebbe quasi una rivoluzione in quanto porta realmente lo spettatore a sentirsi parte della scena.

Immagina infatti un video in cui puoi concentrare l’attenzione non tanto sulla cantante ma su quanto accade tutto intorno, i dettagli acquisirebbero maggior rilevanza.

Come è possibile realizzare un video simile lo si può vedere dagli stessi video di Conan, in quanto il supporto a 360° ha rappresentato semplicemente un “plus” in aggiunta alle telecamere tradizionali, ma è lo stesso Conan che presenta Conan360, rivelando anche che la cosa è stata probabilmente fatta in collaborazione con il progetto Google Cardboard.

Come dicevo, il risultato di un simile lavoro è spettacolare, ancor più se pensato in combinazione con Google Cardboard, ma l’unico difetto riscontrabile è la risoluzione: il 720p suggeritomi da Google non è sufficiente per ottenere contenuti di qualità ed alzando l’asticella verso il 1080p e il 1440p si genera un flusso dati difficilmente gestibile da connessioni non all’altezza.

Rispondi