sabato, 24 Febbraio 2024
HomeFilm e Serie TVRecensione FilmRecensione film: Arrival, non il solito film

Recensione film: Arrival, non il solito film

Arrival è catalogabile come un film di fantascienza, ma uno di quelli che un po’ come Contact può essere capace di lasciare il segno

Vedendo Arrival, il nuovo film diretto da Denis Villeneuve è stato quasi impossibile non pensare a Contact, un altro film di fantascienza con Jodie Foster dove alla fine di un lungo viaggio il tutto si racchiudeva in un rapporto padre-figlia che faceva da canale di comunicazione.

Qui se vogliamo l’alieno è molto più tangibile e forse anche temibile vista l’atmosfera molto dark che circonda tutta la durata del film: luci al minimo, colori poco saturi ed ambienti claustrofobici tendono infatti a farci temere fin dall’inizio l’arrivo di una civiltà extraterrestre ma è anche questo, insieme ai continui flashback del personaggio principale interpretato da Amy Adams ad invadere una certa intimità un po’ sua e un po’ nostra che riesce alla fine a rendere il film gradevole e a darci la sensazione di aver visto un buon lavoro ultimato nonostante tutte le possibili domande che potrebbero sorgere.

Le incognite, in un film di questo genere, sono le solite: chi sono loro? perchè sono qui? Sono buoni o cattivi?

E il film riuscirà a rispondere a queste domande ruotando attorno ad una tematica troppo spesso sottovalutata nell’approccio con una civiltà aliena: il linguaggio.

Difficilmente però Arrivals avrà il successo che merita per via di un ritmo del film che sembra non riuscire a decollare, quasi intrappolato, e che deve ricorrere all’ignoranza umana per riuscire ad inserirvi alcuni momenti di tensione che altrimenti non avrebbero modo di esistere.

Ma tutto sommato il film merita di essere visto.

VOTAZIONE FINALE

Cast
80 %
Trama
80 %
Scenografia
60 %
Colonna sonora
90 %
Effetti speciali
70 %
Quanto mi è piaciuto
70 %

SOMMARIO RECENSIONE

Un cast ridotto al minimo riesce ad avvalorare una trama ben distesa ma senza troppi colpi di scena accompagnato da musiche indubbiamente capaci di farci vivere ogni singolo momento del film.
Paolo Colombo
Paolo Colombohttps://www.mytechnology.eu
Classe '81, appassionato di tecnologia e internet. Dal 29 marzo 2007 scrive quotidianamente con passione sul suo blog www.mytechnology.eu | .it articoli inerenti queste due tematiche. Ha una bellissima moglie e due figli adorabili, e passa le nottate scrivendo articoli e giocando online con i membri del clan EraseR che conosce da ben 20 anni.
ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

CONTINUA A SEGUIRMI

854FansMi piace
390FollowerSegui
429FollowerSegui
247FollowerSegui
6,460IscrittiIscriviti

ULTIMI ARTICOLI

Un cast ridotto al minimo riesce ad avvalorare una trama ben distesa ma senza troppi colpi di scena accompagnato da musiche indubbiamente capaci di farci vivere ogni singolo momento del film.Recensione film: Arrival, non il solito film