Il più piccolo gimbal al mondo da oggi si chiama Osmo Pocket, un prodotto DJI che vuole stravolgere le abitudini di chi utilizza una fotocamera quotidianamente

Osmo Pocket è in pratica una possibile alternativa alle action cam o agli smartphone: quante volte abbiamo visto persone girare con un Osmo Mobile collegato ad una GoPro o uno smartphone e abbiamo pensato “figo! ma anche scomodo portarsi dietro tutto quanto…”.

Ora la nostra reazione potrebbe essere totalmente diversa viste le dimensioni veramente miniaturizzate di questo Osmo Pocket e per il fatto che le cose che permette di fare sono davvero molteplici:

  • video in 4K a 60 fps perfettamente stabilizzati grazie al gimbal a 3 assi
  • riprese panoramiche a 360°
  • sistema di tracciamento integrato reso molto comodo dal display da 1″ presente sul manico
  • ampliamento delle capacità del proprio smartphone collegandolo direttamente ad esso
  • scatti notturni, che con la stabilizzazione attiva è capace di aumentare il tempo di posa mantenendo buona la qualità finale
  • dimensioni tascabili… pocket appunto

queste sono solo alcune delle peculiarità di cui dispone ma quello che va capito è che si rivolge ad un pubblico sempre più esigente e alla ricerca della possibilità di offrire nuovi contenuti ed ai quali non basta più soltanto la miglior qualità ma cerca anche comodità ed esperienza d’uso.

Il sensore integrato è da 1/2.3″ ed è capace di scattare foto da 12 megapixel in jpeg o raw oppure registrare video in 4K a 60 fps o Full HD a 200 fps.

Interessante poi la parte accessoristica di Osmo Pocket che ne espande il funzionamento anche in posti dove fino ad ora un gimbal era impensabile: sott’acqua. Ma c’è poi il modulo bluetooth (che personalmente avrei preferito vederlo integrato), il selfie stick, un adattatore per il collegamento di un microfono esterno, un set di filtri e altri ancora che sicuramente arriveranno in futuro.

Osmo Pocket sarà disponibile da 15 dicembre a 359 Euro, un prezzo elevato per un gimbal ma nella norma se lo si pensa in diretta concorrenza con le action camera.

Rispondi