Samsung ha svelato il suo Galaxy Fold, il primo smartphone pieghevole che vuole essere un po’ smartphone e un po’ tablet

Se c’è una cosa che ci ha insegnato Steve Jobs è che il meglio, il “one more thing” lo metti alla fine e questo concetto dovrebbe essere ancor più valido quando nelle settimane o mesi precedenti ad una presentazione ti sei lasciato sfuggire di tutto al punto che sapevamo ormai ogni dettaglio di S10, S10+ e S10E.

L’unico elemento ancora avvolto nel mistero riguardava il nuovo Samsung Galaxy Fold e a dispetto di un’immagine lasciata intravedere a dicembre personalmente avrei sperato di trovarmi di fronte ad uno smartphone ben diverso quando, proprio ad inizio conferenza, il presidente di Samsung ce l’ha svelato.

Uno smartphone pieghevole avrebbe potuto risolvere molti problemi che affliggono gli attuali proprietari di telefoni che ogni giorno devono fare i conti con display superiori a 6″ di diagonale, e jeans con tasche strette.

E invece Samsung ha scelto una strada ben diversa e che sviluppa una filosofia che, condivisibile o meno, rappresenta un’idea di innovazione.

Ha voluto uno smartphone che diventasse tablet, ma il problema di Samsung Galaxy Fold a mio avviso pur accettando questa filosofia nonchè l’idea di dovercelo infilare nei pantaloni, risiede nel form factor che stravolge qualsiasi standard.

Proporre nel 2019 di guardare un video di YouTube o Netflix su un display in 4:3 è una aberrazione.

Buona invece l’idea di poter utilizzare più applicazioni in contemporanea, fino a 3 per l’esattezza, ma chi tra voi pur potendo ha realmente sfruttato la funzione con cui ci viene permesso di dividere in 2 il nostro display? Qualcuno forse, e poche volte… troppo poche per basare il proprio acquisto su questa caratteristica.

Infine il prezzo: 1980 $ che in euro molto probabilmente andrà a sforare quota 2.000. Ad un costo simile le ipotesi sono molte davvero: potremmo comprarci 2 Samsung S10 che come specifiche tecniche è nettamente superiore oppure un portatile più che dignitoso e a questo punto la domanda è d’obbligo… ci serve davvero un Foldable?

Ma per chi proprio non demorde, ecco le specifiche:

  • Display Infinity Flex da 7.3″ QXGA+ in formato 4.2:3
  • Display esterno da 4.6″ HD+ in formato 21:9
  • Processore Snapdragon 855
  • GPU Adreno 640
  • 12 GB di RAM
  • 512 GB di memoria integrata
  • 6 fotocamere: 3 sul retro (16+12+12), 2 interne (10+8) e 1 sulla cover (10 megapixel)
  • Batteria da 4380 mAh

Samsung Galaxy Fold sarà disponibile a partire dal 26 aprile. Voi cosa ne pensate?

Rispondi