I due colossi annunciano con un comunicato senza precedenti storici in Italia l’unione strategica per il 5G

TIM e Vodafone intendono avviare una collaborazione il cui scopo sarà la condivisione attiva della rete 5G permettendo così un più veloce sviluppo degli apparati necessari alla sua realizzazione ed ampliando l’area geografica di intervento.

L’accordo prevede però il mantenimento di alcuni asset strategici legati alle grande città dove gli operatori hanno già fatto per conto loro grossi investimenti.

La cosa però ancora più importante è che tale accordo potrebbe estendersi in futuro anche alla rete 4G e al cablaggio di collegamento in fibra ottica tra le diverse antenne mobile.

Tutto in virtù di un’ottimizzazione dei costi ma forse un po’ meno in nome della concorrenza, e che lascia perplessi specialmente dopo che li avevamo visti spendere miliardi per acquisire le frequenze 5G.

Antitrust… ci sei?

Rispondi