Come pre-annunciato mesi fa, Nokia fa affidamento su Windows Phone per risanare una situazione imbarazzante per quella che fino a qualche anno fa era il leader incontrastato della telefonia mobile. Lo fa presentando durane il Nokia World di Londra 2011 due nuovi smartphones: Lumia 800 e Lumia 710.

Il Nokia Lumia 800 non è altro che un Nokia N9 in salsa Windows. Troveranno quindi spazio il display da 3.7″ AMOLED con risoluzione 480 x 800 pixels, il processore a core singolo da 1.4 Ghz, memoria da 512 MB per le applicazioni e 16 GB + 25 in cloud gratuitamente attraverso il servizio offerto da Microsoft SkyDrive. Si conferma la collaborazione con Carl Zeiss per la fotocamera con apertura F2.2 e sensore da 8 megapixels, mentre per i video saranno girati alla risoluzione di 720p. Connettività HSPA 14.4 Mbit/s, bluetooth 2.1, Wi-Fi 802.11n e porta micro USB. La disponibilità è fissata per novembre ed il prezzo è di 499 €, che onestamente per un processore a core singolo cominciano ad essere un po’ troppi.

Il Nokia Lumia 710 è identico all’800 per quanto riguarda processore e memoria, ma si tratta pur sempre di uno smarphone più economico e quindi il display da 3.7″ è un semplice LCD ed i materiali della scocca sono meno pregiati sia come materiali sia come fattezze. Fotocamera da 5 megapixels e memoria interna da 8 GB. Sarà disponibile in diverse colorazioni ad un prezzo di 325 € (decisamente interessante in previsione di un calo successivo).

Il perchè un utente dovrebbe scegliere un Windows Phone Nokia piuttosto che uno della concorrenza potrebbe risiedere nella dotazione software: Nokia ha infatti integrato Nokia Drive, il sistema di navigatore offline che permette di trasferire le mappe desiderate a seconda di dove bisogna recarsi; Nokia Public Transport, per i servizi pubblici di trasporto; Nokia Live View, per gli amenti della realtà aumentata ed invine MixRadio, un servizio gratuito per la fruizione della musica che permette di ascoltare (anche in locale sul telefono) alcune playlist organizzate (ma arriverà anche in Italia?).

Rispondi