Il 24 marzo arriverà anche in Italia Disney+, uno dei più seri concorrenti di Netflix ed Amazon Prime Video

Mancano pochi giorni ormai all’arrivo anche in Italia della nuova piattaforma di video streaming di Disney, che darà ufficialmente il via al servizio il giorno 24 marzo.

In questo articolo risponderò alle domande più richieste sperando di fare chiarezza su alcuni punti che riguardano l’offerta.

Cos’è Disney+?

Probabilmente ho già risposto a questa domanda in apertura, ma per essere più precisi Disney+ è la piattaforma streaming SVOD di proprietà Disney. SVOD significa “subscription video on-demand” e identifica un servizio interattivo che permette la fruizione di contenuti come film, serie tv e documentari accessibili tramite un pagamento preventivo di un abbonamento mensile o annuale.

Iscrivendosi si ha diritto di accesso alla piattaforma per la visione di tutti i contenuti senza necessità di pagare altro, quindi non ci sono contenuti premium come accade invece in altri servizi come ad esempio Infinity di Mediaset.

Quanto costa Disney+?

La tariffa ufficiale per l’Italia è di 6,99 Euro al mese o di 69,99 Euro per dodici mesi. Acquistando il pacchetto annuale si ha quindi un discreto risparmio permettendo in pratica di avere “regalati” 2 mesi rispetto alla sottoscrizione mensile. Si tratta di un prezzo piuttosto aggressivo, che si pone a metà tra quello di Amazon Prime Video e Netflix.

Ci sono promozioni in atto?

Si, per chi acquista il servizio entro il 23 marzo potrà avere Disney+ paganto, solo per il primo anno, 59,99 Euro permettendo un risparmio del 16% sul prezzo di 69,99 e addirittura del 30% sulla sottoscrizione mensile.

C’è un periodo di prova gratuito?

Si, in Italia sarà previsto un periodo di prova gratuito della durata di 7 giorni, lo stretto necessario per capire se il catalogo messo a disposizione vada incontro alle proprie necessità.

Su quali dispositivi sarà disponibile Disney+?

Disney+ sarà fruibile attraverso tutti i principali browser sia per Windows sia per Mac e sulla maggior parte delle smart tv. Ovviamente si potrà accedervi anche tramite dispositivi mobile e tablet (iOS e Android) o in alternativa tramite console.

Quanti profili potrà avere all’interno del mio account?

All’interno di un singolo account sarà possibile creare 7 profili, l’intenzione è quindi quella di dare alla famiglia la possibilità per ogni suo membro di avere la propria personalizzazione. 7 profili sono decisamente molti rispetto alla concorrenza che solitamente si ferma a 4-5.

Quanti stream simultanei si possono avere per singolo account?

Come abbiamo detto all’interno di un singolo account si possono creare 7 profili, ma solo 4 di essi avranno diritto alla visione in contemporanea dei contenuti messi a disposizione.

In quale qualità verranno riprodotti i contenuti?

Disney+, al contrario di Netflix, non ha un’offerta strutturata anche sulla qualità di visione. Ciò significa che tutti i contenuti saranno resi disponibili alla massima qualità possibile. Lo standard di base sarà quindi il 4K Ultra HD Dolby Vision e HDR10 con suono Dolby Atmos.

Va ricordato inoltre che la qualità espressa dipenderà molto anche dalla capacità della tua connessione.

Quanti dispositivi si possono registrare?

Attualmente pare che il numero massimo di dispositivi configurabili sia 10, ma vedremo a servizio attivo se questo numero sia effettivamente vincolante e se non ci saranno future modifiche anche perchè ipotizzando 7 profili inseribili sembra alquanto limitante prevedere poi solo 10 dispositivi configurabili.

Sarà possibile scaricare i contenuti in locale?

Si, sarà possibile scaricare i contenuti per poterli visualizzare in un secondo momento senza connessione internet, ma sempre restando all’interno dell’app.

Cosa potrò vedere su Disney+?

Per rispondere a questa domanda ti rimando all’articolo dedicato nel quale potrai vedere nel dettaglio tutti i contenuti, ma ti ricordo che Disney è proprietaria di molti nomi noti in ambito cinematografico: Pixar e Marvel giusto per citare due nomi. Per far capire l’enorme catalogo di cui la casa dispone, mi piace sempre ricordare l’info grafica qui a lato.

Saranno presenti anche contenuti R-rated?

Disney ha specificato che Disney+ ha come target principale le famiglie, e pertanto non saranno presenti contenuti dichiarati R-rated (ovvero vietati ai minori di 17 anni se non in presenza di un adulto). Questo limita in un certo senso il catalogo ma la scelta è chiaramente giustificata. Se si pensa quindi a film molto noti, come Deadpool o Matrix per darvi un’idea, non saranno disponibili.

Ci saranno anche produzioni italiane?

Si, come tutti i servizi SVOD anche Disney+ dedicherà una parte del suo catalogo a contenuti derivanti da produzioni italiane disponibili in esclusiva. Quelle attualmente note sono “Penny on Mars” e “I Cavalieri di Castelcorvo”

Rispondi