domenica, 14 Aprile 2024
HomeIn evidenzaVolvo EX30: bel design ma autonomia e consumi da migliorare

Volvo EX30: bel design ma autonomia e consumi da migliorare

Volvo ha da poco messo in vendita il suo nuovo suv compatto Volvo EX30, che presenta tanti pregi ma anche qualche piccolo difetto

La nuova Volvo EX30 rappresenta un passo fondamentale nella transizione all’elettrico del brand svedese nonché uno dei modelli di maggior interesse nel panorama delle elettriche che arrivano sul mercato con un prezzo inferiore ai 40.000 Euro.

Volvo EX30 parte infatti con un listino base di 35.900 Euro ai quali andare a detrarre eventuali incentivi, per avere un motore singolo a trazione posteriore che dichiara un consumo combinato di 16.7 kWh/100 km per un’autonomia stimata di 344 km.

Sulla carta questo dato non sarebbe nemmeno troppo male per alcuni ma si sa che poi bisogna far fronte alle singole esigenze di tutti noi e pertanto l’autonomia potrebbe risentirne, ad esempio nei viaggi a lunga percorrenza.

In alternativa ci sono anche:

  • la single motor extended range con autonomia WLTP dichiarata di 475 km, con prezzo maggiorato di 5.500 Euro
  • la dual motor con un’autonomia dichiarata WLTP di 450 km disponibile però solo nell’allestimento Ultra e prevede quindi un esborso complessivo di 50.900 Euro

Il problema è che concettualmente c’è ancora l’abitudine di confrontare i dati delle elettriche con quelli delle vetture a combustione, un confronto dal quale le elettriche tendenzialmente ne escono sempre sconfitte soprattutto perché l’unico parametro che potrebbe distrarci, il prezzo, gioca a loro sfavore.

Se ad esempio quest’auto, per assurdo, fosse costata 25/30 mila Euro avrebbe trovato molti meno detrattori dell’elettrico.

Inoltre c’è un altro fatto: posizionandosi sui 36k di base si va verso un terreno pericoloso minato dal leader di mercato, Tesla.

E da Tesla eredita un po’ la filosofia con cui sono studiati gli interni minimali, con un unico display touch centrale orientato in verticale fulcro dell’interazione uomo-macchina, un vano porta oggetti posizionato sotto di esso ed un bracciolo studiato nei minimi particolari per essere comodo e funzionale.

Touchscreen centrale

Il touchscreen è virtualmente sezionato in 3 parti: la parte alta si occupa di fornire le informazioni essenziali alla guida, la parte centrale è occupata dal navigatore mentre la parte bassa è contestuale a quello che si sta facendo ovvero ad esempio se la macchina si ferma comparirà il pulsante per aprire il bagagliaio il quale scompare non appena la macchina inizia a muoversi per lasciare spazio a qualcos’altro.

Questo è permesso grazie ad Android Automotive, il sistema operativo di bordo che Volvo ha deciso di utilizzare per le sue autovetture.

E proprio il bagagliaio è un altro punto dolente, con i suoi 318 litri di volume di carico che iniziano ed essere un po’ risicati per le esigenze di una famiglia, eventualmente espandibili con l’abbattimento dei sedili in configurazione 60/40.

Tecnologia di serie

Di serie troviamo su tutta la gamma la suite Safe Space Technology che include:

  • il controllo del punto cieco con azione sullo sterzo,
  • il sistema anti collisione diurno e notturno con rilevamento di veicoli, pedoni e ciclisti
  • sistema di mitigazione urti
  • monitoraggio stanchezza guidatore
  • sistema di mantenimento della corsia

Nella variante Ultra troviamo poi il Pilot Assist con sorpasso semi-automatico in autostrada e funzione di parcheggio completamente autonomo.

Volvo EX30 è un’auto che convince ma non conquista: c’è una bella linea, un’attenzione nello studio della gestione degli interni, tutta l’abilità di Volvo nel proporre una buona esperienza alla guida ma manca ancora una volta (non si tratta di un problema di Volvo ma di tutto il panorama dell’elettrico) la volontà di rendere questa tecnologia davvero accessibile nonostante per Volvo rappresenti un bel passo avanti in termini di posizionamento.

Se sei tra quelli che ritiene l’autonomia del modello base insufficiente, l’opzione migliore è probabilmente optare per la variante extended, ma attenzione perché con quei 5.000 Euro in aggiunta ti ritroverai davvero troppo vicino ad una Tesla Model 3.

Se invece ritieni che le prestazioni della versione a motore singolo standard facciano al caso tuo, allora Volvo EX30 rappresenta un’opzione interessante.

Paolo Colombo
Paolo Colombohttps://www.mytechnology.eu
Classe '81, appassionato di tecnologia e internet. Dal 29 marzo 2007 scrive quotidianamente con passione sul suo blog www.mytechnology.eu | .it articoli inerenti queste due tematiche. Ha una bellissima moglie e due figli adorabili, e passa le nottate scrivendo articoli e giocando online con i membri del clan EraseR che conosce da ben 20 anni.
ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

CONTINUA A SEGUIRMI

855FansMi piace
394FollowerSegui
429FollowerSegui
247FollowerSegui
6,540IscrittiIscriviti

ULTIMI ARTICOLI