Dopo il SoundShooter SBT30 recensito ieri, ecco un altro speaker di Philips denominato DOT, codice prodotto SB2000B. Esteticamente riprende dal SoundShooter la copertura gommata a righe che questa volta però sono trasversali e non longitudinali al prodotto. E’ uno speaker che offre sicuramente qualcosa in più sia rispetto all’SBT30 sia a molti altri altoparlanti Bluetooth.

Lo strato di gomma nonchè la griglia di protezione lo rendono particolarmente resistente agli schizzi d’acqua (non provare però ad immergerlo) e agli urti, e come l’SBT30 funziona sia come riproduttore musicale sia come vivavoce dato il microfono incorporato. La forma è rotonda nella parte più larga e quadrata nella parte più stretta, questo lo rende un prodotto un po’ più “divertente” perchè possiamo farlo rotolare su una superficie ma se invece deve rimanere fermo lo fa.

Il DOT però si distingue in maniera egregia per un’altra funzione attivabile o disattivabile a piacimento: è dotato di un sensore che gli permette di capire quando il dispositivo è rivolto con lo speaker verso il basso, permettendogli così di disattivare il suono. Così facendo ogni volta che abbiamo bisogno di interrompere l’audio basta capovolgerlo. Passato qualche secondo, se vogliamo continuare a sentire la musica basterà rovesciarlo nuovamente mentre se lo manteniamo a faccia in giù il DOT si spegne automaticamente passato un certo lasso di tempo (avrei dato qualche secondo di tempo in più prima dell’auto spegnimento). Importante è capire poi che quando lo si rovescia questo non va ad interrompere la riproduzione del brano sullo smartphone o tablet che sia, ma semplicemente elimina l’audio. Guarda la video recensione presente qui di seguito per capire meglio cosa intendo.

Philips SB2000B DOT (3)

Questo sensore è disattivabile tramite un pulsante ben nascosto e protetto vicino alla presa micro USB. Oltre al microfono ci sono poi altri 4 pulsanti di cui due sono quelli per la regolazione del volume, uno è per l’accensione e spegnimento che funziona a pressione istantanea, quindi non bisogna tenerlo premuto, mentre l’ultimo è quello con il simbolo della cornetta che serve per controllare la riproduzione dei brani o per prendere o terminare una chiamata.

Il pairing è veloce, senza nemmeno bisogno di inserire il passcode, e i collegamenti successivi sono istantanei. L’audio è buono, ben definito e in grado di raggiungere un buon livello grazie anche ai suoi 5 Watt di potenza generati da un driver di 3″ di diametro. L’unica pecca sono dei bassi un po’ poco presenti perchè la musica riprodotta sembra quasi troppo lineare.

Non va dimenticato infine che al suo interno DOT integra una batteria che gli consente un’autonomia di circa 8 ore.

Video recensione Philips DOT SB2000B

Ti ricordo se già non l’hai fatto di iscriverti al nuovo canale YouTube di myTechnology dove troverai tutte le video recensioni.

Foto del Philips DOT SB2000B

Rispondi