star-wars-il-risveglio-della-forza

Il film più atteso dell’anno Star Wars: Il Risveglio della Forza è ormai giunto a noi in un numero spropositato di sale cinematografiche e sabato scorso mi sono fiondato all’Arcadia di Melzo per riuscire a vederlo senza rischiare troppo di finire vittima di qualche spoiler.

Cosa dire quindi, del sequel della trilogia classica di Star Wars? Ci sono tante cose che si possono dire, ma prima lasciami mettere l’avviso:

se ancora non hai visto il film non leggere questo articolo

gli spoiler sono potenti nel proseguo della lettura! Ma se hai visto il film, allora commenta l’articolo per condividere il tuo pensiero!

Personalmente alla visione dei vari trailer mi ero fatto qualche teoria in merito ai contenuti:

  1. Episodio VI finiva in gloria mostrandoci un popolo finalmente libero dall’oppressione dell’Impero, e qui fin da subito ho pensato che in realtà quanto ci apprestavamo a vedere in Episodio VII sarebbe stato ben diverso con un Impero (che ora è il Primo Ordine) ancora ben presente.
  2. Avevo anche ipotizzato una linea di successione parentale tra Darth Vader e i giovani protagonisti del nuovo capitolo, perchè se ancora nessuno l’avesse capito Star Wars è prima di tutto la storia di una famiglia.

Forse non erano cose poi così difficili da immaginare, ma se al primo punto ci ho azzeccato in pieno, nel secondo invece ho semplicemente sbagliato grado di parentela non avendo calcolato bene il lasso di tempo che possibilmente sarebbe trascorso tra i due film. Personalmente infatti ero più orientato verso un altro possibile figlio di Darth Vader, del resto non sappiamo praticamente nulla della sua vita trascorsa nei panni del Sith, e mi ero anche spoilerato (non capendo la battuta però) vedendo un’intervista a J.J. Abrams nella quale Lucas gli chiedeva “Che fine ha fatto il nipote di Darth Vader?” … pensavo fosse uno scherzo, e invece…

starwars kylo

Star Wars: Il Risveglio della Forza è un bel film, scorre bene e non ci sono intoppi nella trama da lasciare l’amaro in bocca, ma certamente non è esente da difetti e per cercare di capirli occorre secondo me passare in rassegna i vari personaggi (i voti sono relativi al personaggio e non all’attore).

  • Finn: uno stormtrooper convertito in occasione della sua prima battaglia, di per se risulta gradevole come personaggio ma c’è da chiedersi se davvero sia così semplice maneggiare una spada laser. Voto 7
  • Rey: non è stato palesato, ma tutto fa supporre che sia la diretta discendente di Darth Vader, nonchè figlia di Luke Skywalker. Dico questo perchè è un’abile pilota, e la spada laser “di famiglia” l’ha chiaramente chiamata a se. Nonostante fino al giorno prima ritenesse leggenda l’esistenza dei Jedi, nel giro di pochissimo è in grado di usare la forza e maneggiare la spada laser quindi o in tutti questi anni abbiamo sopravvalutato l’addestramento di un Jedi o forse il passato di Rey è ancora tutto da scoprire (il flashback mentale non è del tutto chiaro, vorrei rivederlo). Voto 7.5
  • Poe Dameron: un personaggio azzeccato, convince nei panni di pilota e piace quando cerca di resistere a Kylo Renn. Buona presenza scenica. Voto 8
  • Han Solo: che dire… Indiana Jones è tornato! ah no aspetta: ma ricordo male io o lui non ha mai portato un giubbetto di pelle? Il personaggio è credibile nonostante l’età e speriamo che il suo sacrificio non sia stato vano. Il suo è stato probabilmente il più grosso colpo di scena della storia di Star Wars da quando Darth Vader pronunciò la famosa frase “Io sono tuo padre”. Struggente, ho quasi pianto, ma del resto se ti incammini verso un Sith su una passerella che da “vista baratro” la tua fine è pressocchè annunciata. Voto 8
  • Leia Organa: ora è un generale non più una principessa, ma speriamo che nei prossimi film abbia modo di prendere parte in maniera più cospicua alla trama… ne dubito, ma nelle sue vene scorre sangue Jedi e non voglio perdere la speranza di vederla impugnare una spada laser o dimostrare una cerca abilità nell’uso della forza. Voto 5
  • BB8: dovendosi inventare un droide nuovo non potevano davvero pensarlo meglio di così, è davvero uno dei protagonisti così come R2D2 lo fu ai tempi della trilogia classica. Inoltre è protagonista di uno dei momenti più comici del film. Voto 10
  • R2D2: continua a dormire mi vien da dire. La sua presenza ha davvero poco senso, ma soprattutto ha davvero poco senso il fatto che si risvegli come per magia solo alla fine del film, per poi rivelare di avere quello che tutti cercavano. Voto 4
  • Luke Skywalker: mi ha stupito. Pensavo che il suo personaggio avrebbe avuto maggior peso nel film ed invece è stato inserito solo per la scena finale… a pensarci è stata un’ottima mossa perchè così facendo ha messo ottime basi per i prossimi due film. Inoltre sebbene manchi fisicamente sullo schermo viene narrata la sua storia quindi davvero ne vogliamo sapere di più sul suo conto. Voto 8
  • Kylo Renn: tanto figo fuori, quanto debole dentro. Kylo (o Ben, come lo chiama suo padre probabilmente in omaggio a Ben Kenobi) è sicuramente uno dei personaggi più controversi del film. Erano riusciti a creare un possibile degno successore di Darth Vader, il suo look è azzeccatissimo e la voce ti trasmette quel senso di brivido (anche se un po’ troppo in stile Bane di Batman) se non fosse che ad un certo punto si toglie la maschera, e li il mito cade a terra e vi rimane. Adam Driver (l’attore che lo interpreta) ha troppo la faccia da bravo ragazzo, non convince nei panni del Sith, ma è anche il suo atteggiamento quasi da adoloscente e non renderlo credibile fino in fondo. Forse fa tutto parte della sceneggiatura e della sua necessità di dover completare l’addestramento, ci può stare, ma si è insistito troppo nell’indebolirlo: nei panni di Kylo Renn di fatto ha perso il duello mentale con Rey, ha faticato a tenere testa ad uno Stormtrooper ed ha perso il duello fisico sempre con Rey… però è riuscito ad uccidere un uomo disarmato. Tutto l’opposto di come invece era apparso nei primi minuti. Voto 5
  • Leader Supremo Snoke: probabilmente è il grosso punto di domanda che gira intorno al film… chi è Snoke? Le ipotesi sono davvero tante, e l’universo espanso di Star Wars è tutto da esplorare, ma quella più accreditata vista la facile associazione con Palpatine / Darth Sidious è che possa trattarsi di Darth Plagueis, ovvero il suo maestro, ossessionato dalla ricerca dell’immortalità. Sono tutte teorie ovviamente, ma mi sento di escludere che si tratti di un personaggio totalmente nuovo.
  • Generale Hux: uno di quelli che prenderesti a sberle dalla mattina alla sera, specialmente se ti chiami Kylo Renn, ma merita un voto medio alto per aver avuto le palle di tener testa ad un Sith. Voto 7
  • Capitano Phasma: personaggio spinto totalmente dal marketing. Risulta essere inutile ed il fatto che ad impersonarlo fosse la Christie è a mio avviso solo per ingraziarsi i seguaci di Game of Thrones. Voto: 3
  • La morte nera, terza edizione: che dire? Ci risiamo, un’altra morte nera o se preferite uno star killer. Chiaramente cambiano dimensioni e potenzialità ma la sensazione di non riuscire ad andare oltre è forte.

star-wars-il-risveglio-della-forza rey

Una grande assente

Di tutti i personaggi visti nel film, ce n’è uno di cui non sappiamo nulla e che spero prenda parte successivamente: la madre di Rey. Chi è? Me lo sono chiesto per tutto il film, Luke al contrario di Han Solo non ha mai avuto flirt quindi questa strada è per noi tutta da scoprire e potrebbe anche non essere un personaggio così scontato.

Di tutte queste valutazioni quindi vorrei soffermarmi su una cosa soltanto Rey, e la Forza. Qua si è voluto accelerare davvero troppo l’apprendimento di Rey, cosa che un fan secondo me difficilmente apprezzerà: come è possibile che un Sith esperto come Kylo possa sottostare a Rey? Potevano farla vedere resistere ma non addirittura essere in grado di metterlo in difficoltà.

Ed è anche questo che la domanda in merito a sua madre mi pulsava nella mente, sebbene la famiglia Skywalker sia potente nella Forza, siamo sicuri che non ci sia dell’altro?

star-wars-il-risveglio-della-forza cast

Troppo rispetto, poco coraggio

Star Wars: Il Risveglio della Forza è un cospicuo tributo ai primi tre film della saga (Episodio IV-V-VI), e J.J. Abrams ha fatto un eccellente lavoro nel voler dare ai fan quello che si aspettavano ma è rimasto troppo legato a quanto già conosciamo da anni: da un lato è stato obbligato, essendoci presenti fisicamente i 3 protagonisti di una volta, ma non va dimenticato che ne sono stati introdotti altrettanti di nuovi e spero verrà dato maggior peso a questo nei due film che ci attendono ancora.

Ora non ci resta che aspettare, di nuovo, oppure tornare al cinema a rivedere il film!

5 Commenti

  1. Allura…. la prima domanda che mi sorge spontanea è…. ma come cavolo fai a sapere chi interpreta il Capitano Phasma??? Boh…. le vie della Forza sono infinite…

    A parte questo, condivido sostanzialmente la tua visione: girato bene, scene mozzafiato (a parte il 3D che non mi ha fatto impazzire), la trama è un filino troppo autocelebrativa rispetto alla prima serie ma “acchiappa”, i protagonisti per me sono molto riusciti, sia la tipa topa che l’assaltatore obiettore di coscienza. Mi intrigano molto e sono curioso di sapere come saranno sviluppati, perché il fatto che Finn sappia maneggiare una spada laser lascia aperto uno spiraglio a interessanti colpi di scena.

    Il voto per il film è sicuramente un 8 pieno, appena usciti dalle sale è pure 9 se aggiungiamo la goduria dovuta all’hype. Cosa gli manca per il 10?

    1. Il cattivo bimbominkia no. Questa è una pugnalata, un colpo basso. Va bene un cattivo più sfaccettato e profondo rispetto allo stereotipo del comune Sith, ma non puoi farlo interpretare da un bimbominkia che al massimo potrebbe fare il cattivo in Herry Potter. Ho capito che così fai più presa sul pubblico giovane, però NO CAZZO. Ancora non me ne capacito. Giuro che se si leva di nuovo la maschera nei prossimi 2 episodi vado a dare fuoco a tutti i Disney Store di Roma.

    2. Gli Jedi. E’ il primo film di Star Wars in cui non si vede uno Jedi, a parte nelle 3 inquadrature iniziali e nelle 2 finali…. non c’è un singolo combattimento Jedi vs Sith, tanto è vero che per metterci qualche duello alla fine vedi gente che se ne va in giro a dare spadate senza un briciolo di addestramento. Il culmine arriva quando il bimbominkia cattivo sta per battere la tipa topa e dice “Passa al lato oscuro della Forza”, allora lei si ricorda “Ah già, la Forza…” e gli rompe il sederino. Sta cosa m’ha lasciato perplesso e mi porta a vederlo più come un immenso trailer di Episodio VIII che non come un film della saga.

    Detto questo, per me rimane un ottimo film, migliore di Episodio I (e qui ci voleva poco), ma anche di Episodio II e III, ma che (ovviamente) non potrà mai avvicinarsi a Episodio IV, V e VI.

  2. Capitano Phasma è interpretato da Gwendoline Christie, che era presente a tutte le interviste e presentazioni pre film, è per quello che dico che era solo un fenomeno di marketing… essendo già un personaggio molto in vista con Game of Thrones l’hanno tirata dentro.

    Per rispondere ai tuoi punti:

    1. per assurdo a me è venuto fuori uno “Scamarcio” come tipo di volto che era decisamente più allettante di quello. Cioè serviva un viso giovane ma non cosi dai, quando toglie il casco ti scappa quasi il sorriso…

    2. il problema è che veniamo da Episodi 1-2-3 dove li c’era un Jedi ogni 100 metri mentre già nella trilogia classica erano in estinzione perchè ricordiamoci anche che Anakin aveva fatto una strage e quindi in questo film uno spera che si siano ripristinati ma così non deve essere per forza, anzi: ripristinandoli non fai altro che correre il rischio poi di ritrovarti di nuovo con Jedi e Sith come evidentemente è successo visto il risultato (Luke sparito ecc. ecc.).

    Penso però che avremo ben modo di vedere combattimenti nei prossimi e sono curioso di vedere se Luke ci darà soddisfazioni come Joda vs Conte Dooku… io ho ancora stampato nel cervello come la colonna sonora sottolineò quel momento!

Rispondi