domenica, 25 Febbraio 2024
HomeFilm e Serie TVRecensione Serie TVRecensione Yu Yu Hakusho (2023): un altro capolavoro targato Robot Communications

Recensione Yu Yu Hakusho (2023): un altro capolavoro targato Robot Communications

Dopo il live action dedicato a One Piece arriva in sordina anche Yu Yu Hakusho in forma di mini serie da 5 episodi

Con le ultime produzioni Robot Communications non ne ha sbagliata una: Alice in Borderlands, Godzilla Minus One e ora l’adattamento Live Action di Yu Yu Hakusho approdato su Netflix il 14 dicembre.

Ci tengo a dire subito che sebbene questa sia la trasposizione di una manga/anime, ho visto la serie senza aver prima visto l’anime originario e senza saper nulla in merito alla storia, quindi mi manca quel pregiudizio tipico di un fan che non vuol vedere rovinato un qualcosa a cui si è affezionato.

E la mia sensazione è che il lavoro svolto dal regista Sh? Tsukikawa sia proprio volto a soddisfare uno spettatore tipo come me.

Di seguito ci sarà anche spazio per un confronto con One Piece, perché l’attenzione mediatica che i 2 live action hanno ricevuto è stata nettamente differente (ovviamente, nessuno qui vuol negare il successo mondiale di One Piece) come a mio avviso molto diverso è il risultato.

Attenzione: spoiler.

La trama di Yu Yu Hakusho

Veniamo però a Yu Yu Hakusho, che racconta la storia di uno studente delle scuole medie, Yusuke Urameshi interpretato da Takumi Kitamura, dal fare un po’ delinquente e che trascorre le sue giornate a litigare. Muore dopo aver salvato un bambino in un incidente d’auto e viene resuscitato per servire come detective del mondo degli spiriti.

Gli episodi

Il primo episodio l’ho trovato molto profondo e a chi non è abituato al mondo orientale risulterà anche molto originale nei costumi, negli atteggiamenti e molto altro ancora.

Molto profondo perché tratta un tema, quello della morte ma in particolare quello dell’elaborazione del lutto, in maniera molto consapevole. Il protagonista non vuol tornare in vita ma la vista del dolore provocato alla madre e all’amica lo convinceranno del contrario.

Tutto questo mentre un personaggio (Sakyo), che qui rimarrà purtroppo una figura quasi di contorno senza mai entrare troppo nel vivo della storia, mette in atto un piano per collegare il mondo dei demoni con quello degli uomini al fine di scatenare il caos sulla Terra.

Ho trovato ben riuscito il ruolo di Kazuma Kuwabara, il nemico/amico del protagonista il quale si cimenta perfettamente nel ruolo di suo gregario: è grazie a lui che il protagonista troverà lo stimolo per accrescere il suo potere.

Inoltre ho letteralmente adorato i due yokai/demoni che finiranno a far parte della squadra di Yusuke: Kurama e Hiei, i quali sebbene fossero già dotati di abilità particolari quando entrano nel vivo del combattimento esprimono il loro massimo ben supportati dagli effetti speciali/CGI.

Il live action scorre via bene: c’è il tempo per riflettere, il tempo per crescere (o accrescere.. i poteri), e il tempo per la sfida che si prende gli ultimi 2 episodi.

Qui i combattimenti, finora limitati ad un po’ di arti marziali e mani luminose, iniziano a fare sul serio e grazie ad un’ottima coreografia mettono in campo il giusto mix di violenza, fantasiosità ma anche sanguinosità. Senza mai esagerare troppo però.

Solo lo scontro finale con Toguro maggiore sembra prendersi più spazio di quel che si meritasse, quanto meno perché con soli 5 episodi a disposizione avrei sacrificato qualche minuto qui, per saperne di più sul passato di Sakyo e di cosa lo spingesse a voler vedere congiunti i 2 mondi.

Il confronto con One Piece

Per mesi e mesi si è parlato del live action di One Piece, anche meritatamente per via della popolarità che il manga ha riscosso nel mondo negli ultimi anni, ma è poi arrivato su Netflix con un lavoro che è costato (secondo alcune stime) la bellezza di 138 milioni di dollari.

Una volta arrivato, e dopo averlo visto, son subito rimasto allibito (parere personale ovviamente) dalla mediocrità delle interpretazioni ma soprattutto dalle sceneggiature e dalla pochezza della CGI.

Poi arriva Yu Yu Hakusho, che va ricordato prodotto da Robot Communications, il quale con un budget molto più limitato ci porta 5 episodi (al posto degli 8 di One Piece) curati nei minimi particolari a livello di sceneggiatura, fotografia e con dei combattimenti in cui la CGI di certo non è andata sprecata.

Mettiamo One Piece e Yu Yu Hakusho sulla bilancia… e avrete già capito a questo punto da che parte questa pende. Chapeau a Robot Communications e al regista.

Conclusioni

Non conoscevo Yu Yu Hakusho ma il live action mi ha messo una gran voglia di vedere l’anime, e sapere che molte parti sono state saltate non fa che alimentare questa mia voglia perché significa che ci sarà più materiale nuovo con cui completare l’idea che mi son fatto dei personaggi e della storia.

Il live action è a mio avviso ben riuscito, forse il combattimento finale è stato tirato troppo per le lunghe considerando i soli 5 episodi a disposizione ma il regista è riuscito a mio avviso nell’intento di raccontare una storia senza buchi di trama troppo vistosi, il che per me significa già molto.

VOTAZIONE FINALE

Cast
80 %
Trama
75 %
Scenografia
85 %
Livello medio per singolo episodio
70 %
Impatto episodio finale di stagione
70 %
Quanto mi è piaciuta
75 %

SOMMARIO RECENSIONE

Di sicuro una sorpresa molto apprezzata: ribadisco il mio giudizio imparziale o per meglio dire da "non fan" dell'anime non avendolo visto. La trama risulta scorrevole e senza lacune, gli effetti speciali sono notevoli in particolare se comparati con altri lavori visti di recente e dove il budget era decisamente superiore (One Piece).
Paolo Colombo
Paolo Colombohttps://www.mytechnology.eu
Classe '81, appassionato di tecnologia e internet. Dal 29 marzo 2007 scrive quotidianamente con passione sul suo blog www.mytechnology.eu | .it articoli inerenti queste due tematiche. Ha una bellissima moglie e due figli adorabili, e passa le nottate scrivendo articoli e giocando online con i membri del clan EraseR che conosce da ben 20 anni.
ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

CONTINUA A SEGUIRMI

854FansMi piace
392FollowerSegui
429FollowerSegui
247FollowerSegui
6,460IscrittiIscriviti

ULTIMI ARTICOLI

Di sicuro una sorpresa molto apprezzata: ribadisco il mio giudizio imparziale o per meglio dire da "non fan" dell'anime non avendolo visto. La trama risulta scorrevole e senza lacune, gli effetti speciali sono notevoli in particolare se comparati con altri lavori visti di recente e dove il budget era decisamente superiore (One Piece).Recensione Yu Yu Hakusho (2023): un altro capolavoro targato Robot Communications