I trucioli di un materiale che riflette la luce fotografati dalla sonda Phoenix su Marte e "scomparsi" dopo 4 giorni, comportamento compatibile solo con l'evaporazione di ghiaccio d'acqua (foto dal sito della Nasa).

Evviva! acqua su Marte!

La sonda Phoenix, spiegano gli studiosi, inviata sulla superficie del pianeta rosso, ha scaldato il ghiaccio raccolto nel corso delle sue esplorazioni all’inizio della settimana e, alla luce di quell’operazione, gli scienziati hanno confermato che quel ghiaccio è effettivamente acqua.

Beh, direi che la notizia non è di poco conto…se hanno trovato l’acqua quanto volete che ci mettano a trovare il primo battere?

[Via | Corriere.it]

1 commento

  1. Il fatto che i trucioli riflettenti siano scomparsi dopo 4 giorni, di per sé non era la prova definitiva che si trattasse di ghiaccio d’acqua.

    La conferma è quella che dici dopo, ossia che la sonda col suo fornetto ha scaldato dei campioni raccolti e analizzando i vapori prodotti si ha avuto la conferma della presenza di acqua.

Rispondi