jawbone-up1

Adoro gli smartwatch, è stato uno dei miei desideri fin da quando Michael Knight dialogava con KIT,  e nell’ultimo anno stiamo assistendo ad un loro proliferare davvero interessante. Alcuni interagiscono con il cellulare per sostituirne alcune funzioni come sms, dettaglio chiamate e altro mentre poi ci sono quelli più improntati sul fitness/wellness.

Jawbone UP 2 rientra tra uno di questi ultimi, e finalmente è approdato anche nel mercato italiano.

  • 3 colorazioni: nero, menta e blu.
  • 3 misure: S, M e L
  • 1 unico prezzo: 129 Euro (azz…)

Ma cosa fa UP 2? Scopriamolo…

A giudicare dai commenti presenti sull’apple store, una delle funzioni più interessanti sembra essere quella legata alla sveglia, che dal sito ci dicono avvenga al momento giusto in base al nostro ciclo del sonno. Da quanto ho capito si mette il bracciale nello status di “guarda che sto dormendo” tramite un pulsante, e poi tramite un sistema di vibrazioni ad intervalli più o meno regolari e di intensità variabile ci sveglia la mattina (ok, ma a che ora quindi? Se ho un appuntamento alle 8.30 ma il mio sonno vorrebbe dormire fino alle 10.00?).

Da questa funzione capiamo anche quindi che UP 2 tiene traccia del nostro sonno informandoci il giorno dopo (sul display dello smartphone con cui si sincronizza perchè non ha display) su quanto abbiamo dormito bene e altri parametri.

jawbone-up3

Traccia le calorie consumate e il nostro movimento in generale, e quindi se dovesse accorgersi che un giorno siamo un po’ più pigri della media ci consiglierà di muoverci un po’, inoltre tiene traccia di quello che mangiamo e beviamo ed è qui che la faccenda inizia a complicarsi troppo: come fa UP 2 a sapere cosa mangio e cosa bevo? Semplice, gli e lo devo dire io. Questo è uno dei motivi per cui UP 2 già comincia a non convincermi. Ci sono diversi modi in cui assumere questa informazioni, la prima è quella di scansionare il codice a barre con la fotocamera in modo che possa essere riconosciuto il prodotto, l’altro è immetterlo manualmente navigando tra categorie.

Chi avesse la pazienza necessaria per usare UP 2 diligentemente sono sicuro che trarrebbe molto giovamento da questo bracciale: sapere che mangiando qualcosa di diverso o ad un diverso orario ha un impatto positivo o negativo sulla qualità del mio sonno può avere molta importanza, ma è una cosa che richiede molta costanza.

UP 2 è ovviamente il successore del modello UP, ritirato dal mercato per problemi di progettazione che causavano infiltrazioni d’acqua nel bracciale. UP 2 sembra però non soffrire dei problemi di gioventù del primo modello ed è quindi resistente all’acqua ed ha 10 giorni di autonomia.

Una sua caratteristiche distintiva è l’assenza del bluetooth e la presenza di un connettore da 3.5mm per collegarsi e sincronizzarsi con lo smartphone. Questa scelta è stata criticata da molti in quanto non permette l’aggiornamento in tempo reale delle statistiche, ma a mio avviso ben venga il jack: prima di tutto perchè probabilmente così facendo l’autonomia migliora notevolmente, ma soprattutto perchè altrimenti si finirebbe per passare 24 ore su 24 in compagnia del Bluetooth: bella roba, poi la mattina al posto del latte metto la testa nel microonde così esco di casa tranquillo.

Prezzo: 129,99 Euro acquistabile online sul sito ufficiale. Compatibile con iOS e Android.

Parere personale

Per me serve troppa costanza. Penso sia utilissimo in una prima fase quando si è smaniosi di sfruttare al massimo la novità per capire se qualche mia abitudine mi porta a dormire/vivere male, ma nel medio e lungo periodo la mancanza di tale costanza non vorrei si traduca nell’inutilità totale. Per questo se sei un amante del fitness posso consigliarti piuttosto di guardare al Nike Fuelband, oppure se sei un amante degli smartwatch che integrano funzioni del cellulare segui il progetto Pebble in attesa di altri smartwatch che sicuramente arriveranno.

Un progetto molto simile a UP2 invece è Amiigo, che tra l’altro dovrebbe costare qualcosina meno.

1 commento

  1. Io lo compro al volo per mio marito, solo il fatto che fa da sveglia mi interessa assai!!sarebbbe l’occasione buona per buttarlo giù dal letto la mattina!!

Rispondi