Google ha presentato ufficialmente i nuovi Pixel 3a e Pixel 3a XL: a colpire è in particolare il primo che riporta i prezzi degli smartphone a livelli accettabili

Il nuovo Google Pixel 3a sulla carta è un ottimo smartphone: a soli 399 Euro si ha uno smartphone molto ben ottimizzato dal punto di vista delle prestazioni ed una fotocamera che ha poco da invidiare dal top di gamma dello scorso anno.

Ma sebbene da un lato il prezzo aiuta, dall’altro l’impatto visivo ed alcune scelte non ci facilitano il compito.

A livello di design mancano tutti i tratti distintivi tipici degli smartphone presenti sul mercato da circa 1 anno tra cui parte frontale senza bordi (o bordi molto assottigliati), multiple fotocamere (tra cui la wide sempre molto apprezzata), materiali pregiati e per finire lettore d’impronte frontale posto sotto il display.

Per quanto riguarda le scelte invece vanno citati i tagli di memoria (64GB sono ormai quasi anacronistici), la mancanza della doppia sim e la batteria da soli 3.000 mAh che nonostante le solite tecniche di ottimizzazione ed un processore votato al risparmio energetico con il tempo faticherà a portarci a sera.

Tutti questi piccoli difetti o mancanze però, possono essere messi in disparte al fine di avere uno smartphone snello, sempre aggiornato e con una fotocamera da vero top di gamma perchè il nuovo Google Pixel 3a è quanto avremmo sempre voluto da Google fin dai tempi della gamma Nexus ovvero uno smartphone con un ottimo rapporto qualità/prezzo.

E’ disponibile in 2 colorazioni (bianca, nera) e due dimensioni la dove la variante XL guadagna anche una batteria più capiente da 3700 mAh ma a patto di tornare verso quella categoria di smartphone che personalmente giudico troppo ingombranti.

Google Pixel 3a è già disponibile ad un prezzo di 399 Euro mentre per il Pixel 3a XL si sale a 479 Euro. L’unico rammarico è che difficilmente vedremo dei cali di prezzo per via di una rigida politica di Google in merito, altrimenti il modello base sarebbe diventato indubbiamente tra i più ambiti nel corso del prossimo anno.

Rispondi