Oggi vediamo la recensione degli auricolari full wireless Arbily F8, rivelatisi un’alternativa irrinunciabile per chi punta all’autonomia

Gli auricolari Arbily F8 sono la seconda versione di un auricolare che su Amazon ha riscosso un certo successo. La confezione si presenta molto bene e gli accessori presenti sono i classici: cavetto usb-c per la ricarica e adattatori dei gommini in-ear. Non manca però un librettino di istruzioni, anche in italiano.

Il case, completamente nero fatta eccezione per il logo, al tatto è robusto ma si capisce fin da subito che dimensioni e peso di questo case nascondono qualcosa di speciale e lo si può intuire anche dal fatto che sul lato oltre alla porta usb-c per la ricarica è presente anche una porta usb-a.

Un’altra particolarità abbastanza unica di questi Arbily F8 sono gli indicatori presenti sul case: al centro troviamo una percentuale che indica la carica residua della custodia mentre le batterie a sinistra e destra indicano il livello di carica dei due auricolari.

Sugli auricolari sono presenti dei led rossi e blu che si colorano a seconda dello stato.

L’unica cosa che non mi ha particolarmente convinto di tutto il sistema sono gli aghi di aggancio: sono magnetici e tengono molto bene ma a volte il posizionamento non è perfetto e si rischia di riporli non correttamente.

Si tratta di auricolari bluetooth 5.0 con certificazione IPX7 (giusto per non farci mancare niente) e compatibili con i protocolli HFP, HSP, A2DP e AVRCP.

Pairing e input lag

Pairing piuttosto veloce, nel momento in cui si apre lo sportello del case loro si predispongono e quando li avrai infilati nelle orecchie è molto probabile che siano già accoppiati.

Nessun problema poi per l’input lag ovvero l’eventuale ritardo audio-video che intercorre quando si guardano i video su YouTube, Netflix e altre piattaforme: funzionano bene.

Qualità audio in ascolto

Come qualità audio un po’ come molti degli auricolari di questa fascia di prezzo hanno un timbro orientato verso i bassi: si sentono discretamente bene ma non sono paragonabili a quelli di auricolari più costosi. Resta comunque un buon audio, ormai lo dico spesso ma nel corso dell’ultimo anno nella fascia di prezzo dei 50 euro c’è stato un miglioramento apprezzabile sotto questo aspetto.

Inoltre il livello massimo del volume è alto ma non esagerato e questo può andare benissimo quando li si usano in ambienti poco rumorosi ma se invece stiamo facendo qualche lavoretto (es. taglio prato) e vogliamo ascoltare un podcast potrebbe non essere sufficiente.

Qualità audio in conversazione

Non ho riscontrato particolari problemi durante le telefonate: sono presenti 4 microfoni per aiutare anche la riduzione dei rumori ambientali ed avere un’esperienza di ascolto migliore

Tanta, tanta autonomia

Uno degli aspetti più convincenti di questi Arbily F8 è senza dubbio l’autonomia: l’azienda dichiara un playback con singola carica degli auricolari di 10 ore che sono davvero tante per dei full wireless, con poi un sistema di ricarica rapida che con 15 minuti ci si garantisce un playback di 90 minuti. Gli auricolari incorporano una batteria da 85 mAh.

Per quanto riguarda questo dato non sono riuscito a testarlo fino a fondo ed è la prima volta che lascio gli auricolari in accoppiamento giusto per riuscire a scaricarli anche se poi in realtà non li utilizzo… giusto per vedere quanto durassero. Quindi diamo fiducia al dato dichiarato che come sempre ricordo che dipende anche dal livello del volume utilizzato.

Ma il dato più impressionante è quello del case che con i suoi 2500 mAh garantisce 110 ore di riproduzione e lo trasformano all’occorrenza anche in un power-bank per ricaricare altri dispositivi. Riuscire a veder scendere la percentuale di ricarica del case utilizzando solo gli auricolari è un’impresa ardua.

Modalità mono

Entrambi gli auricolari funzionano in modalità mono ma attenzione: sia quando li si estrae dal case sia quando si passa da stereo a mono riponendo uno dei due nella custodia in realtà funzionano sempre entrambi… tant’è vero che agendo sul pulsante dell’auricolare che non si sta indossando si può gestire anche i contenuti.

E’ un problema? Non necessariamente perchè dal momento che gli Arbily F8 hanno un case dall’autonomia infinita difficilmente questo potrebbe essere un problema.

L’unico modo per sfruttare effettivamente la modalità mono è spegnere quello non in uso (vedi comandi sotto) o andare fuori dal raggio di funzionamento, e in questi casi la modalità mono è effettiva, su entrambi.

Pulsanti touch: ora mi commuovo

Ehi che succede? Dopo la recensione degli Aukey T10 oggi abbiamo un secondo auricolare nella fascia di prezzo sotto i 50 euro i cui pulsanti touch, lo ammetto, mi sono piaciuti: innanzitutto come puoi vedere poco più sotto non ci sono rinunce e si ha un controllo completo di quelle che sono le tipiche funzioni supportate, ma poi il touch risponde bene anche con i guanti e non devo per forza essere preciso ad azzeccare un punto specifico dell’auricolare perchè anche pigiando leggermente sulla parte esterna il comando viene riconosciuto.

Comandi supportati

Ecco l’elenco dettagliato dei comandi degli auricolari Arbily F8. Come è possibile vedere le uniche mancanze sono dovute all’utilizzo in mono che per ovvi motivi ne limita le funzionalità.

  • Accensione: estrarre gli auricolari dal case o in alternativa tenere premuto il pulsante per 3 secondi
  • Spegnimento: riporre gli auricolari nel case o in alternativa tenere premuto il pulsante per 6 secondi quando non ci sono riproduzioni attive
  • Play/pausa: un tocco su auricolare sinistro o destro
  • Brano precedente: doppio tocco su auricolare sinistro
  • Brano successivo: doppio tocco su auricolare destro
  • Volume giù: premere e tenere premuto auricolare sinistro per 2 secondi (mantenendo la pressione la diminuzione aumenta). Questa funzione non è disponibile in modalità mono
  • Volume su: premere e tenere premuto auricolare destro per 2 secondi (mantenendo la pressione la diminuzione aumenta). Questa funzione non è disponibile in modalità mono
  • Rispondere/terminare una chiamata: doppio clic su auricolare sinistro o destro
  • Rifiutare una chiamata: premere e tenere premuto auricolare sinistro o dentro durante una chiamata
  • Attivazione assistente vocale: triplo clic su auricolare sinistro o destro

Pro

  • Autonomia incredibile degli auricolari ma soprattutto del case
  • Tante le funzioni
  • Pulsanti touch che rispondono bene
  • Modalità mono su entrambi

Contro

  • Dimensioni del case non proprio compatte (ma autonomia mostruosa)
  • Dimensioni degli auricolare
  • Sistema di aggancio degli auricolari al case migliorabile
  • Manca la pausa automatica
RASSEGNA PANORAMICA
Design
70 %
Comodità generale
80 %
Qualità audio in riproduzione
80 %
Qualità audio in conversazione
75 %
Affidabilità
90 %
Autonomia
100 %
Articolo precedenteHuawei Talkband B6: smartband con saturimetro e auricolare integrato
Articolo successivoSamsung Galaxy S21 5G ufficiale: pro e contro della nuova gamma
Classe '81, appassionato di tecnologia e internet. Dal 29 marzo 2007 scrive quotidianamente con passione sul suo blog www.mytechnology.eu | .it articoli inerenti queste due tematiche. Ha una bellissima moglie e due figli adorabili, e passa le nottate scrivendo articoli e giocando online con i membri del clan EraseR che conosce da ben 20 anni.

Rispondi