Ormai la paragonavo alla realtà aumentata o al 3D o al Blu-Ray: tecnologie che ci hanno toccato ma in maniera troppo superficiale, eppure Valve dimostra che non è ancora finita

Qualche annetto fa sembrava che la realtà virtuale fosse dietro l’angolo, con grandi nomi pronti ad investire cifre folli: qualche modello presentato (a prezzi stratosferici) e qualche giochino per accontentare la massa e poi… il vuoto.

Fino ad oggi.

E’ comparsa in rete un’immagine di Valve Index, quello che sembra a tutti gli effetti un visore per la realtà virtuale sviluppato da Valve stessa e quindi non più con il contributo tecnico di HTC.

La pagina ad esso dedicata prevede un annuncio non più tardi di maggio 2019 quindi a breve capiremo meglio di che tipo di visore si tratta e se sarà capace di rinnovare l’interesse verso questa tecnologia.

Rispondi