Da Huawei arriva un router al passo coi tempi e che permette ottime performance se si sceglie di utilizzare prodotti del brand

Il nuovo router Huawei AX3 rende accessibile il nuovo protocollo WiFi 6 con un prodotto dal design minimal ma che include anche qualche accorgimento per facilitarci la vita.

Il router, totalmente bianco fatta eccezione per alcune scritte, ha un design decisamente minimale e pulito con una base leggermente inclinata dalla quale partono le 4 antenne inclinabili.

Sul retro trovano posto, oltre al connettore dell’alimentazione, 4 porte ethernet di cui una è destinata ad accogliere la linea in ingresso (WAN) che arriva dal tuo modem. Più a destra sono poi presenti i pulsanti di reset ed accensione.

Qui non ho apprezzato il fatto che le scritte riportate non risaltino alla vista, e che le porte LAN non abbiano distinzione di colore come accade quasi sempre per facilitare la distinzione tra la porta WAN e le normali LAN. Va bene il minimal ma non quando va a discapito della praticità, specialmente quando è qualcosa che solitamente è nascosto alla vista.

3 porte LAN inoltre pre-configurano un utilizzo basilare della linea e sono a mio avviso poche in chiave 2020: con NAS e dispositivi smart in giro per casa ci vuole un attimo per andare ad occuparle, ma è altrettanto vero che è molto semplice espanderle con un eventuale switch.

Gli antennoni sono forse la parte che più salta all’occhio del router, e uno di questi riporta la dicitura WiFi 6 Plus e sarà importante nel corso della recensione capire cosa significa l’aggiunta di quel “Plus”. Ad ogni modo le antenne si possono ripiegare come a chiudersi sul router ma non possono ruotare come ad essere direzionate su angolature differenti.

Sulla superficie superiore c’è poi un pulsante destinato alla funzione WPS, e poi nell’angolo destro troviamo un adesivo che ci indica la presenza del chip NFC.

Chip NFC: a cosa serve e a chi può essere utile

Il chip NFC è molto utile perchè rende quasi immediato l’abbinamento di uno smartphone o tablet alla rete WiFi: basta appoggiarlo per sentire un suono che farà comparire sul nostro dispositivo un messaggio che ci chiede se vogliamo connetterci alla rete.

Niente più menù, richiesta di password o altre complicanze. E’ tanto semplice come sembra e funziona in maniera impeccabile.

La domanda però da porsi è a chi sia utile.

In una normale abitazione una volta che tutti i dispositivi saranno collegati alla rete WiFi tale funzione tecnicamente non serve più. Certo ci sarà magari qualche occasione in cui compriamo un telefono nuovo o magari ne resettiamo uno vecchio ma di certo non è il contesto ideale in cui la presenza del chip NFC può fare la differenza.

Il ragionamento potrebbe essere però diverso in contesti più frequentati in cui si vuol rendere facile l’accesso alla rete o se magari si è soliti ricevere ospiti e non si vuol far perdere tempo nel dettare una password: appoggia qui e sei già collegato.

WiFi 6 Plus, il peso di un suffisso

Come dicevo poco fa il Huawei AX3 è compatibile con il WiFi 6 Plus: si hanno quindi tutti i benefici del WiFi 6 con l’aggiunta di una specifica (Plus) che potenzierà le prestazioni di collegamento soltanto a quei dispositivi che sono compatibili, nello specifico i prodotti Huawei e tutti quelli che in futuro potrebbero diventarlo.

Uno smartphone WiFi 6 si può collegare al router WiFi 6 Plus? Assolutamente si, in tal caso il collegamento avverrà come se si viaggiasse su una rete WiFi 6 normale.

Prestazioni su più piani

Quando si parla di router, uno dei principali elementi di interesse è capire come si comporta in termini di diffusione del segnale. In tal senso non ho riscontrato problemi quando mi limitavo all’utilizzo dei dispositivi sul piano in cui era posto il router, ma quando mi spostavo al piano di sotto ecco allora che il segnale arrivava debole e in alcuni casi ho faticato per riuscire a connettere la Fire TV Stick.

Questo router infatti raggiunge risultati ottimali quando anche i dispositivi riceventi supportano il WiFi 6, ma considerando il numero di dispositivi presenti in una casa c’è da aspettarsi, come nel mio caso, che la maggioranza di essi non saranno compatibili e allora ecco affiorare qualche problema.

Come risolvere

Una particolarità di questo router è che volendo se ne potrebbe comprare un secondo per andare a realizzare una rete mesh, e dato che il prodotto non è particolarmente costoso potrebbe essere una soluzione per ovviare ai problemi di diffusione del segnale ma avere al tempo stesso una rete unica invisibile che garantisca buone prestazioni.

Dissipazione calore

Un design così minimal nel caso del router Huawei AX3 sembra lasciare poco spazio alla dissipazione del calore e infatti appoggiando la mano ci si accorge subito che il router tende a scaldare. Un problema? Forse no ma è giusto segnalarlo.

Pro

  • Design minimale
  • Buone prestazioni su piano singolo
  • Piattaforma di gestione semplice
  • Costo non particolarmente elevato

Contro

  • Troppo bianco (anche sulle porte LAN)
  • Copertura non ottimale su più piani per dispositivi non WiFi 6
  • Le super prestazioni del Plus sono solo per i dispositivi compatibili
  • Dissipazione del calore non ottimale

Rispondi