Dopo che Nikon ha presentato la nuova reflex D3100, non poteva mancare un botta e risposta da parte di Canon (seppur in un altro segmento del mercato), la quale introduce la nuova Canon EOS 60D. La nuova 60D non è semplicemente la naturale successione della 50D, in quanto ingloba in se stessa caratteristiche presenti nelle sue sorelle della serie EOS. A seguito della nuova EOS 7D eredita da quest’ultima la capacità di registrare video in alta definizione, ma non è tutto: sulla EOS 60D troviamo infatti lo stesso sensore CMOS da 18 megapixels e lo stesso display LCD  da 3″ presenti sulla EOS 550D ed il sistema di auto focus della 50D. In fondo all’articolo trovi una tabella comparativa che spiega nel dettaglio le diversità con alcuni degli altri modelli.

Design

Il corpo della EOS 60D ha visto un profondo re-styling, questo per favorire anche un nuovo posizionamento dei pulsanti in modo tale da facilitarne l’uso da parte del fotografo vista ormai la mole impressionante di settaggi disponibili, e proprio per questo è presente anche un pulsante di ‘blocco’ che evita l’erronea manomissione di un’impostazione mentre si è intenti a scattare.

Per quanto riguarda la memorizzazione dei files, supporta le nuove SDXC, permettendo di raggiungere una capacità massima di 2TB, fattore molto importante se si ha intenzione di registrare molti contenuti video in HD. Data questa enorme quantità di spazio, sarebbe quasi impossibile ritrovare una determinata foto, ecco perchè è stato inserito anche un sistema di rating che permette all’utilizzatore di dare una sorta di preferenza ai suoi scatti migliori, in modo che poi li possa rivedere più velocemente.

Registrazione video

La nuova EOS 60D è in grado di registrare video alla risoluzione di 1920x1080p con una vasta varietà di frame rates disponibili: 30, 25 e 24 fps; oppure è possibile ridurre la risoluzione a 720p per aumentare il frame rate a 50 o 60 fps. E’ presente un microfono stereo e c’è inoltre la possibilità di aggiustare manualmente i livelli del volume. Ovviamente non manca l’uscita HDMI per condividere foto e video in tempo reale su di una TV Full HD.

Condividere files

Canon ha pensato bene di introdurre nella EOS 60D anche la possibilità di condividere i files in maniera del tutto wireless, sfruttando la tecnologia Eye-Fi. Da un menù su misura sarà quindi possibile attivare e disattivare tale modalità, in modo da preservarne il più possibile la batteria. Tuttavia Canon non garantisce la piena compatibilità delle SD Eye-Fi.

Alcune specifiche:

  • 18 MP APS-C CMOS sensor
  • Advanced creative features with Basic +
  • Vari-angle 7.7cm (3.0”) 3:2 ratio LCD
  • Full HD movies with manual control
  • DIGIC 4
  • ISO 100-6400, H:12800
  • 5.3fps shooting for up to 58 JPEGs
  • 9-point cross type AF System
  • iFCL metering with 63-zone Dual-layer Sensor
  • Integrated Speedlite transmitter
  • In-camera RAW processing

Prezzo

Il prezzo è fissato a 1.149 € per solo il corpo. Va da se che non è una entry-level, e si allinea ai prezzi degli altri modelli della linea EOS.

Tabella comparativa dei modelli EOS 60D – EOS 7D – EOS 50D

Tabella realizzata da dpreview.com

Approndimenti

Qualora tu voglia approndire, ti consiglio la lettura di questo articolo molto ben articolato e dettagliato, basato su un modello di pre-produzione.

2 Commenti

  1. Bella! E costosa!
    Non si capisce perchè abbiano deciso di costruirla in policarbonato ( plastica) e non in lega di magnesio come la 50D! Peccato. Vuoi mettere avere in mano un bel corpo metallico che ti dà una sensazione di maggior robustezza.

Rispondi