apple-beats

Nell’ultimo mese erano sorte voci riguardanti un forte interesse di Apple in Beats, noto marchio di cuffie che negli ultimi anni ha completamente conquistato il mercato dando il via ad un esercito di cloni. Oggi arriva la conferma e la notizia che Apple si è comprata Beats Electronics spendendo la bellezza di 3 miliardi di dollari che, se comparati con altre cifre folli spese da Google e Facebook negli ultimi mesi sembrano quasi pochi dal momento che Beats è un nome di indiscusso successo.

Secondo l’accordo Apple dovrà versare immediatamente 2,6 miliardi di dollari “cash”, mentre nei prossimi mesi porterà a termine l’acquisizione investendo in qualche maniera altri 400 milioni di dollari. Jimmy and Dre, i due soci fondatori di Beats Electronics, pare si siano inoltre assicurati due posti di prestigio all’interno degli ambienti Apple ma per ora sembra ancora troppo presto per conoscerne i dettagli.

La cosa curiosa è che contrariamente a come avviene di solito con gli annunci ufficiali, un primo indizio dell’affare è spuntato su YouTube in un video in cui compaiono l’attore Tyrese Gibson (Fast & Furious) e proprio Dr.Dre. In una serata di sbevazzamenti Tyrese dice che Forbes deve cambiare la sua classifica (riferita probabilmente a quella degli uomini più ricchi al mondo).

In fondo il legame Apple-Beats sembra quasi naturale dal momento che entrambi hanno nella musica il loro cuore pulsante, quindi non stupiscono le dichiarazioni di Tim Cook e Iovine. Inoltre l’acquisizione rappresenta un fattore importante per Apple la quale stava perdendo terreno nel campo della musica in streaming dove Spotify regna, e Beats aveva appena iniziato con l’introduzione di un nuovo servizio di musica in streaming… quindi più strategica di così la cosa non poteva essere.

Tim Cook rilascia una dichiarazione molto classica:

La musica è una parte così importante della vita di tutti noi e, in Apple, occupa un posto speciale nei nostri cuori. Ecco perché abbiamo continuato ad investire nella musica e stiamo unendo questi team straordinari in modo da poter continuare a creare i prodotti e i servizi musicali più innovativi al mondo

mentre Jimmy Iovine si lascia un po’ andare lasciando intendere tutto il suo entusiasmo:

Ho sempre saputo nel mio cuore che Beats apparteneva ad Apple. Quando abbiamo dato vita all’azienda l’idea si ispirava dalla capacità ineguagliata di Apple di fondere cultura e tecnologia. Il profondo impegno di Apple verso gli appassionati di musica, gli artisti, cantautori e l’industria della musica è qualcosa di speciale.

Ora resta solo da capire quando tale unione darà i suoi primi frutti, e soprattutto quando avremo occasione di avere i primi iPhone con audio Beats.

Rispondi